LOGICOR – header banner dal 1 giugno al 31 luglio 2024
DEA CAPITAL – header banner dal 24 maggio al 30 giugno + 1/9 al 23/9

ID Logistics in Italia: appassionati e innovativi

0
CEVA – newsbanner dal 8 luglio al 7 agosto 2024
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 31 agosto 2024

Se è vero che ogni casa dice molto sulle persone che vi abitano, la sede di ID Logistics in Italia, a Casei Gerola (PV) dice moltissimo del logistics provider che vi ha stabilito il suo headquarter italiano. A partire dall’edificio stesso, con le facciate caratterizzate da rigoglioso verde verticale che parlano di una forte attenzione all’impatto ambientale e al benessere psico-fisico delle persone che lavorano nel sito. Un’attenzione che resta evidente anche all’interno della sede, visitando gli uffici e il magazzino, ad alta automazione. “Se dovessi descrivere con una parola ID Logistics”, esordisce Gian Luca Fossati, VP Commercial and R&D di ID Logistics Italia, “sceglierei senza alcun dubbio: innovazione. È, infatti, la spinta all’innovazione che guida ogni progetto di sviluppo, in modo molto concreto. Basti pensare che nella presentazione di ogni business plan per l’avvio di un nuovo progetto si è invitati a prevedere l’integrazione di almeno due soluzioni innovative. Automazione e robotizzazione, in particolare, sono uno dei punti chiave della strategia di sviluppo dei prossimi 5 anni”.

A tutta reattività

Se dovessimo scegliere noi, invece, una parola per descrivere ID Logistics sarebbe: reattività. La strategia di crescita e sviluppo del Gruppo, infatti, si basa sulla capacità di interpretare le esigenze di un mercato in trasformazione e darvi risposta in modo efficace nel più breve tempo possibile. Di questa rapidità e determinazione d’azione ne è testimonianza significativa l’attivazione della filiale italiana che è diventata operativa presso il nuovo parco logistico di Casei Gerola in sole 9 settimane.

TOYOTA – newsbanner dal 19 giugno 2024 al 18 giugno 2025

“L’apertura della filiale italiana era in pancia del gruppo da tempo, poiché il mercato della Penisola ha un ottimo potenziale di sviluppo dal punto di vista del servizio logistico, ma vi erano alcune remore, legate in particolare alla situazione del mercato del lavoro. L’occasione è arrivata quando un cliente che ID Logistics già segue in altri Paesi ha spinto per poter contare su di noi anche in Italia. Fatte tutte le verifiche del caso, non si è trattato che trovare la giusta location dove riversare tutta l’esperienza e la capacità di innovazione del gruppo. Abbiamo individuato a Casei Gerola il sito ideale sia dal punto di vista delle connessioni, sia per la tipologia di edificio ad alta sostenibilità. In poche settimane abbiamo fatto il progetto per il layout interno e stretto l’accordo per l’installazione del sorter. A maggio 2022 – grazie anche al supporto del team internazionale che ha condiviso esperienza e professionalità – siamo stati pronti ad entrare in azione, dedicato 62.500 mq a un primario player internazionale del settore e-commerce”.

Leggere il presente e guardare al futuro

La reattività che caratterizza ID Logistics si muove, però, su due diversi piani temporali: “Da un lato c’è la velocità, assicurata anche da una catena di comando molto agile, che ci consente di agire rapidamente”, spiega Fossati, “d’altro lato, vi è una coerenza di strategia grazie a una visione a lungo termine che consente di avere solide basi e le giuste premesse per i nuovi investimenti. La propensione dell’azienda di investire in innovazione e automazione si inserisce proprio in questa capacità di visione: aver sviluppato un know how specifico sull’argomento, con un’approfondita competenza sullo stato dell’arte delle tecnologie – grazie anche al rapporto consolidato con i partner sviluppatori di tecnologie – e poter contare sulla fiducia dei clienti che riconoscono nella logistica una leva strategica, ci consente di muoverci in un orizzonte temporale di più ampio respiro dove decisioni contingenti sono frutto di una lunga preparazione.

Quanto realizzato a Casei Gerola ne è un esempio efficace: le soluzioni operative adottate sono aperte all’evoluzione e al cambiamento, ma pensate per durare nel tempo. Un impegno verso i nostri clienti e verso il territorio.

L’obiettivo è ambizioso, quanto assolutamente alla nostra portata: entrare nella top five degli operatori conctract logistics in Italia. Essere già tra i primi dieci entro il 2026”.

Costruire valore nel tempo

Come contate di raggiungere questo ambizioso risultato? “Partendo da quelli che possiamo considerare i quattro pilastri portanti di ID Logistics stessa”, rivela Fossati: “e il primo è, indubbiamente, la partnership, ossia la capacità cui abbiamo già accennato di stringere relazioni durature con i nostri clienti, in primis, ma anche con i nostri partner e fornitori e con le comunità con cui entriamo in contatto. Nel 2022 il tasso di rinnovo dei contratti dei nostri clienti è stato superiore al 97%: un dato che ci rende orgogliosi, soprattutto nel delicato contesto di grande incertezza attuale.

Vi è poi l’innovazione, che è per noi il modo di portare valore aggiunto in un mercato spesso ancora molto standardizzato e labour intensive. E questo si lega il terzo aspetto, ossia la capacità di proporre soluzioni tailor made, su misura di specifica esigenza, ma aperte al cambiamento. Infine, ma di fatto al centro di tutto, vi è il commitment, l’impegno che ci assumiamo nei confronti di tutti gli stakeholders con cui ci troviamo ad interagire e che si traduce in una grande attenzione ai temi CSR”.

Sono questi i driver di uno sviluppo che ha permesso a ID Logistics, nata in Francia nel 2001, di crescere a livello internazionale con un tasso di crescita costante superiore del 10% anno su anno.

“Una crescita basata su una strategia di sostenibilità a tutto tondo”, tiene a precisare Fossati, “non alimentata da logiche opportunistiche, ma alimentata dall’acquisizione organica di nuovi clienti per i quali ci impegniamo a creare valore nell’attività quotidiana e in prospettiva”.

La direzione è tracciata

Quale direzione prenderà la crescita della nuova branch italiana? “In questo primo anno di attività”, spiega Gian Luca Fossati, “ci siamo impegnati nel consolidamento dei servizi attivati e nell’esprimere tutto il potenziale del nuovo sito. L’obiettivo a breve termine è continuare a crescere in qualità del servizio e in volumi gestiti. In più, come da business plan inziale, vogliamo procedere lungo un percorso di internalizzazione delle risorse umane attive presso il magazzino di Casei Gerola. Se, infatti, attualmente facciamo ricorso a personale di cooperativa per gestire le attività più operative, la strategia del gruppo prevede di internalizzare il più possibile il personale, per una questione di responsabilità. È un percorso in cui siamo incamminati, ma per proseguire sarà importante che anche la committenza riconosca il valore di questa scelta”.

Francesca Saporiti

Estratto dell’articolo pubblicato completo sul numero di maggio 2023 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL