CBRE – header banner dal 23 giugno al 23 agosto 2022

Inchiesta sul trasporto: Oronzo Angiulli di SOA Corporate, guardare avanti insieme

0
WORLD CAPITAL – newsbanner dal 1 giugno al 31 agosto 2022
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 30 settembre 2022

“Per contenere i costi del carburante non possiamo fare più di tanto, se non subirli.

Ma tenendo sotto controllo i percorsi e lo stile di guida, implementando corsi di guida economica, risparmiare un po’ di può, anche in termini di usura dei freni e degli pneumatici.

Anche la scelta oculata di questi ultimi, unitamente all’organizzazione e ottimizzazione dei viaggi, può contribuire positivamente”. Così Oronzo Angiulli presidente di SOA Corporate sta facendo fronte al problema del caro-carburante.

Marginalità ridotte

“Le marginalità si sono ridotte moltissimo – prosegue – Oltre al carburante, anche la spesa per l’AdBlue è aumentata di quattro volte.

È il momento di tagliare gli sprechi, di fare economia anche in partnership con i clienti: non è necessario fare consegne tutti i giorni viaggiando scarichi, con dei ragionamenti condivisi riusciamo a ottimizzare”.

Carenza autisti

Lato carenza autisti, spiega: “Nelle regioni del sud il problema è arrivato con circa due anni di ritardo rispetto al settentrione, ma oramai c’è.

Per limitare i danni noi aiutiamo economicamente gli autisti a prendere la patente, un’azione che sta avendo altissima adesione.

Sono infatti parecchi gli operatori che, in possesso della patente B, non prendono quella C solo per questione di spesa. La politica di Soa è questa: provvede a sostenere i costi delle patenti e non chiede nessun rimborso se l’autista resta in Soa per almeno tre anni.

Inoltre stiamo lavorando molto sul fattore emotivo – aggiunge – non facendo trasporto di linea gli autisti la sera tornano a casa, il che è già un plus rispetto ad altre realtà”.

Il passo della digitalizzazione

Quanto alla digitalizzazione, Soa può dirsi “avanti”: i camion sono connessi, la carta è (quasi) abolita.

“La stragrande maggioranza dei nostri clienti è digitalizzata, abbiamo abolito anche la bolla di consegna. Solo i piccoli non sono ancora strutturati per il flusso elettronico, ma il grosso della transizione è stata compiuta.

Siamo in continua evoluzione tecnologica su tutti i fronti, lavorare con i big ci ha insegnato che tutto quello che è innovazione porta benefici”.

Emanuela Stifano

Estratto dell’articolo pubblicato sul numero di giugno 2022 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR