CEVA – Header Banner dal 20 novembre al 20 dicembre 2019
GEP – Header banner dal 1 al 31 dicembre 2019
CLS – Header banner dal 1 settembre al 31 dicembre 2019
riempitivo gdl header

Logistica: più addetti e meno infortuni. Amazon ospita il convegno AiFOS sulla sicurezza

0

Salute, sicurezza e benessere sul luogo di lavoro: questi i temi al centro della tavola rotonda organizzato presso il Centro di Distribuzione Amazon a Castel San Giovanni, promosso da AiFOS con il patrocinio di Inail.

Buone notizie dal fronte della sicurezza in magazzino: in base ai dati Inail, infatti, si registra un trend positivo con un aumento degli addetti e una contestuale diminuzione degli infortuni nel settore del trasporto e logistica nell’ordine del -3,1%.

L’evento che si è svolto presso il CeDi di Amazon Italia Logistica a Castel San Giovanni ha puntato l’attenzione sul tema: “Strategie di prevenzione: il lavoratore al centro”, un focus voluto  dall’Associazione Italiana Formatori ed Operatori della Sicurezza sul lavoro (AiFOS) per ragionare sul tema della prevenzione per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori, obiettivo che dovrebbe essere primario per tutte le aziende.

Il Presidente AiFOS Rocco Vitale nel suo intervento ha così dichiarato: “L’International Labour Organization – la più importante istituzione mondiale in questo settore – invita le imprese ad adottare una visione di zero infortuni e zero malattie professionali. Con la campagna “Vision Zero”, di cui AiFOS è partner, l’ILO si rivolge in prima istanza alle dirigenze di grandi e grandissime aziende affinché rinnovino il loro approccio agli investimenti per la tutela di salute, sicurezza e benessere dei lavoratori. Non più destinatari passivi di scelte operate ai piani alti, ma attori protagonisti delle politiche di welfare”.

Bene ma non ancora benissimo: si può fare di più

AiFOS, che aggrega in Italia oltre 2.000 aziende e liberi professionisti operanti nel settore salute e sicurezza, ha ritenuto opportuno e qualificante chiamare in causa direttamente Amazon per una “tavola rotonda” che ha visto protagonista anche l’Inail con Silvia Amatucci della Consulenza statistico attuariale. “Nel settore del trasporto, a fronte di un aumento del numero di addetti nell’ultimo quadriennio, si rileva una diminuzione del numero di infortuni (-3,1%) e della frequenza degli infortuni (-6%), che rimane tuttavia elevata rispetto ad altri settori” ha sottolineato Silvia Amatucci. “Occorre però rilevare che, rispetto al settore nel suo complesso, i dati variano molto se si prendono in considerazione le aziende che adottano un sistema di gestione della sicurezza certificato (SGSL): in quest’ultimo segmento si riscontra infatti una frequenza di infortuni e di infortuni gravi notevolmente inferiore alla media nazionale di settore. Secondo i dati raccolti emerge infine una evidente correlazione tra gli investimenti nella prevenzione e nella formazione sulla sicurezza con la riduzione degli infortuni”.

Una buona leadership per la sicurezza garantisce il successo delle politiche di prevenzione. Sviluppare politiche orientate alla qualificazione e allo sviluppo delle competenze del personale sui temi del benessere, della salute e della sicurezza sul lavoro, è una delle regole d’oro della campagna Vision Zero. Dall’intervento del responsabile della sicurezza di Amazon Italia Logistica, Giovanni della Corte, che ha illustrato tutte le iniziative messe in atto per la tutela dei lavoratori del magazzino piacentino, è emersa la strategia di prevenzione.

Investire in sicurezza

“Garantire la sicurezza dei nostri dipendenti guida tutto ciò che facciamo e ogni decisione che prendiamo, affinché possano lavorare in un ambiente sicuro. Questo si traduce nell’aggiornamento costante delle nostre politiche di sicurezza e dei nostri programmi di formazione per prevenire gli infortuni” ha dichiarato Giovanni della Corte, responsabile sicurezza dei centri di distribuzione Amazon in Italia. “Nel 2018 abbiamo investito 2,8 milioni di euro in sicurezza ed erogato oltre 81.000 ore di formazione in Italia, pari a 16 ore annue per ciascun dipendente. A Castel San Giovanni, in particolare, il nostro impegno per la sicurezza si è tradotto in 975.000 euro di investimenti e 34.000 ore di formazione”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL