LOGICOR – header banner dal 1 gennaio al 31 marzo 2024
PRELIOS – HEADER BANNER DAL 22 gennaio al 21 marzo 2024
CBRE – Header banner dal 14 dicembre 2023 al 14 giugno 2024

KNAPP Italia per Hippocrates Holding: dove l’innovazione è in ottima salute

0
LINDE – newsbanner dal 1 gennaio al 30 aprile 2024
TOYOTA – newsbanner dal 25 maggio 2023 al 24 maggio 2024

Cogliere un’opportunità significa riuscire a guardare oltre ciò che già c’è e intuire il potenziale che può essere espresso. Quando nel 2017 il Ddl n. 2085-B “Legge sulla concorrenza” ha cambiato le carte in tavola per promuovere la concorrenza nel settore della distribuzione farmaceutica, disciplinando la proprietà delle farmacie aprendo al libero mercato, si è avverata una grossa opportunità che il comparto del pharma ha accolto con iniziale prudenza, fatta eccezione per Hippocrates Holding.  Il gruppo nasce nel 2018 per cogliere le opportunità offerte dal Ddl 2085-B grazie a un’intuizione di Davide Tavaniello e Rodolfo Guarino che hanno dato vita al primo operatore del retail farmaceutico italiano e nell’arco di soli cinque anni sono riusciti a organizzare una rete di oltre 390 farmacie riunite sotto il brand “Lafarmacia”, un network in continua crescita e sviluppo.

Per sostenere al meglio questa crescita e assicurare il miglior livello di servizio alle farmacie e agli utenti, Hippocrates Holding ha scelto di investire in una nuova piattaforma logistica. Obiettivo: rifornire le farmacie del gruppo migliorandone la gestione degli assortimenti e l’in-store execution, così da garantire una gestione sincronizzata di forniture, merchandising e piano marketing per tutte le farmacie della rete.

CARGOFIVE – newsbanner dal 26/01 al 26/04/2024
TRANSPOTEC – newsbanner dal 1 gennaio al 11 maggio 2024

Un nuovo polo per la supply chain delle farmacie

Il nuovo magazzino è un immobile da 11.000 mq di superficie coperta, a temperatura controllata 15-25°C, inserito all’interno di AKNO Livraga Business Park, in provincia di Lodi, sviluppato secondo i più alti standard costruttivi e utilizzando tecnologie all’avanguardia, come produzione di energia da fonti rinnovabili (fotovoltaico) e sistemi per il contenimento energetico. La scelta di basarsi a Livraga ha una doppia valenza strategica. Non solo, infatti, il magazzino si colloca in prossimità dell’Autostrada del Sole A1 Milano-Napoli e in posizione baricentrica rispetto ai principali flussi che collegano il Nord e Centro-Italia, ma si integra in un tessuto logistico-distributivo dove sono già attivi altri player della filiera della salute. Sono scelte, queste, che parlano di una capacità di guardare lontano nello sviluppo di progetti innovativi e questo è ancor più evidente se osserviamo all’interno del magazzino, un polo ad alto livello di innovazione e automazione.

Un operatore che rappresenta una catena di farmacie è, di fatto, una novità per il mercato italiano e necessita di caratteristiche peculiari e differenti dai modelli classici di distribuzione. Quando, a giugno del ‘21 abbiamo iniziato a parlare con Hippocrates del nuovo magazzino automatizzato, siamo partiti proprio dalla loro unicità e dagli ambiziosi obiettivi di crescita che si sono prefissati”, racconta Stefano Novaresi, Amministratore Delegato KNAPP Italia. “Impostare la partnership partendo dalla condivisione di un business model è la miglior premessa che si possa auspicare nell’avviare una collaborazione, perché permette di disegnare una soluzione a misura di futuro. Nel caso di Hippocrates vi era da interpretare un alto livello di complessità, ma è stato possibile farlo al meglio perché non ci è stato chiesto di fornire un prodotto o di replicare impianti già in uso, ma di disegnare insieme processi efficienti, gestiti da un ecosistema di tecnologie perfettamente integrate”.

Che cosa ciò significhi nel concreto abbiamo potuto scoprirlo visitando il magazzino di Hippocrates Holding a Livraga, con test operativi avviati da novembre 2023. Per comprendere la portata innovativa del polo logistico di Livraga è indispensabile, come già anticipato, partire dagli obiettivi che sono il motore primo della sua realizzazione. “Oggi Hippocrates conta una rete di 390 farmacie concentrate principalmente nel Centro-Nord Italia ma con una capillarità crescente, prova ne è che all’intero del network è già entrata una prima farmacia in Sardegna. L’obiettivo è di ampliare la rete fino a 500 farmacie entro il 2024, per arrivare nel 2030 a contarne 1.000”, rivela Antonio Notte, CEO di Hippo Distribuzione. “Per sostenere un aumento di volumi tanto rapido e importante e un raggio d’azione in costante incremento è stato indispensabile pensare a una piattaforma logistica che rappresentasse un’occasione di efficientamento e al contempo un volano per la crescita. Dodici mesi fa, qui dove siamo adesso, c’era soltanto erba”, prosegue a raccontare Notte, “ma sulla carta già avevamo progetti innovativi e ambiziosi che oggi sono pienamente operativi”.

Il progetto del nuovo polo nasce a giugno del 2021: “definito il business plan e condivise le previsioni di crescita”, descrive Antonio Notte, “abbiamo lavorato per definire un percorso di sviluppo, articolato in due fasi: la prima che ha come primo orizzonte temporale il 2025, la seconda che traguarderà il 2030”.

“È stata questa la parte più sfidante e stimolante del progetto”, si inserisce a raccontare Davide Fedeli, Head of Operations di KNAPP Italia, “non potevamo far riferimento a uno storico consolidato né a un bechmark sul mercato italiano, per questo abbiamo studiato e delineato differenti scenari di crescita, condizionati da variabili come le possibili evoluzioni del mercato e come il mercato stesso avrebbe accolto un nuovo operatore come Hippocrates. Questo per sviluppare una soluzione flessibile e scalabile, aperta al cambiamento e in grado di crescere ed evolvere nel tempo, di integrare strategie di multicanalità, di affrontare le sfide impreviste e cogliere nuove opportunità. Aperta al cambiamento e pronta a cambiare ed evolvere in base alle necessità, secondo la filosofia KNAPP: “just add and not rebuild”. Questa strategia di progettazione condivisa con Hippocrates ha già verificato la propria validità alla prova dei fatti, poiché rispetto ai programmi inziali, la holding ha già anticipato alcune tappe, precorrendo i piani di crescita previsti”.

 La chimica della professionalità

Vincente nella strategia di Hippocrates è stata la capacità di attrarre e interiorizzare competenze e professionalità creando una squadra che potesse mettere a fattore comune e infondere nel progetto il proprio know how specifico. Oltre ad Antonio Notte, che ha maturato un’ampia esperienza nell’ambito della distribuzione farmaceutica intermedia, abbiamo incontrato Michela Raimondi, Logistics Manager, che ha avuto la responsabilità di disegnare i processi, definire le postazioni di lavoro, curare gli aspetti legati agli accessi e alla sicurezza; Maria Assunta Sgro, Direttore Operations Pharma, QP-RP, Quality & Regulatory che ha gestito gli aspetti legati alle autorizzazioni, certificazioni e alla business continuity; Federica Crucitti, IT Logistic & Supply Chain Manager, che si è occupata lato IT sia dell’aspetto software sia di quello infrastrutturale, con un’attenzione particolare all’integrazione dei differenti sistemi e alla cybersicurezza.

“Quando si fa innovazione tecnologica, le persone devono essere al centro perché l’aspetto organizzativo è fondamentale. Hippocrates ha puntato molto sul coinvolgimento delle persone, a tutti i livelli, portando al proprio interno le competenze necessarie, sviluppando e consolidando quelle già presenti. Allo stesso modo”, prosegue Antonio Notte, “ha impostato il rapporto con partner e fornitori: il dialogo che si è creato ci ha permesso di portare avanti il progetto del nuovo polo con un timing molto serrato, pur dovendo far fronte a numerose sfide ed imprevisti dati dal contesto macro-economico incerto”.

Il magazzino di Livraga rappresenta il polo logistico dove si consolidano tutti i flussi logistico-distributivi di Hippocrates: sia la distribuzione di corto-medio raggio per le farmacie di prossimità, sia l’approvvigionamento dei punti vendita di lungo raggio, sia i servizi integrati e da integrare con lo sviluppo dell’omnicanalità.

La logica stessa con cui è gestita la distribuzione rappresenta un elemento innovativo rispetto ai processi tradizionali del settore: “Sempre di più il sistema di distribuzione del farmaco nell’ultimo miglio sconta problemi di sostenibilità: operativa, economica ed ambientale. C’è un problema di gestione di domanda di approvvigionamento delle farmacie, troppo frammentato ed esasperato che sta ponendo in luce sempre più i propri limiti”, chiarisce Stefano Novaresi. “Organizzare una logistica centralizzata per una catena di farmacie, attraverso processi stardardizzati e razionalizzati soprattutto di gestione della “domanda”, attua un modello di business alternativo che consente ottimizzazioni che portano benefici a livello sistemico”.

Focus sull’automazione

Vediamo il magazzino nel dettaglio. “Nell’area di inbound è stata riservata un’ampia fascia libera per la gestione dell’ ”overstock”; questo spazio ci consente di organizzare la merce in arrivo in due flussi principali: i prodotti extra-stock vengono allocati nell’area porta pallet per lo stoccaggio massivo, mentre articoli ad alta e media rotazione vengono riposti nell’ecosistema che integra soluzioni automatiche KNAPP, quali Central-Belt-System SDA e KNAPP OSR Shuttle, interconnesse tramite linee di convogliamento a un’area di lavorazione semi-automatica con operatore dotato di terminali RF. I sistemi integrati operano sotto la regia del software KNAPP KiSoft. “L’innovazione si fa ricombinando in maniera intelligente elementi che già esistono”, conferma Stefano Novaresi, “con l’obiettivo di rispondere a nuove e sempre diverse esigenze, partendo da una base di affidabilità indiscussa”.

La logica adottata è, dunque, quella della merce “goods-to-men” per ottenere un alto livello di produttività in un ambiente di lavoro ergonomico e sicuro. Il KNAPP Central-Belt-System SDA – soluzione a movimentazione rapida per il prelievo automatizzato di singoli pezzi – è stato sviluppato in Hippocrates come un dispenser lungo ben 45 metri che conta 1.600 canali verticali per gestire altrettante referenze in fase di picking. Il sistema effettua il prelievo automatico dei singoli articoli, facendoli cadere sul nastro trasportatore sottostante e che convoglia la merce in cassette in plastica che rappresentano le unità di carico fino al consolidamento prima della spedizione.

Gli articoli a medio-bassa rotazione vengono invece gestiti tramite il sistema OSR Shuttle di KNAPP. Il vantaggio di questo sistema automatico – oggi dotato di oltre 11.000 locazioni e già progettato per nuove possibili ampliamenti – è poter assicurare omogeneità di processo a referenze eterogenee, creando così standard operativi che semplificano e fluidificano l’operatività. Il sistema è integrato con 2 postazioni di lavoro che, grazie al design che assicura la miglior ergonomia, consente agli operatori attivi in quest’area di raggiungere un livello di produttività pari a oltre 1.000 righe/ora.

Anche nell’out-bound si formano due flussi principali: flussi di prossimità – gestiti con le classiche “cassette” caratteristiche della distribuzione intermedia – e flussi a medio-lungo raggio con roll-box o pallet di cassette che vengono combinati al meglio prima della spedizione secondo logiche di efficienza e di qualità del servizio.

Francesca Saporiti

Estratto dell’articolo pubblicato completo sul numero di Dicembre 2023 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR