CBRE – header banner dal 23 giugno al 23 agosto 2022

L’ e-commerce B2C in Italia: tutti pazzi per l’e-shopping

0
MIP POLITECNICO DI MILANO – newsbanner dal 20 giugno al 31 luglio 2022
ESPRITEC – newsbanner dal 1 AL 31 LUGLIO 2022
NEWLAND – newsbanner dal 4 aprile al 4 luglio 2022
WORLD CAPITAL – newsbanner dal 1 giugno al 31 agosto 2022
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 30 settembre 2022

Inarrestabile nella sua crescita, l’e-commerce in Italia ha raggiunto nel 2022 un valore di oltre 45,9 miliardi di euro, segnando un incremento del +14% rispetto all’anno precedente. A misurare con puntualità il fenomeno è l’ultima indagine dell’Osservatorio eCommerce B2C NetcommSchool of Management del Politecnico di Milano che ha presentato i dati raccolti in occasione del convegno di apertura della XVII edizione di Netcomm Forum.

“Siamo ormai andati ben oltre l’accezione di e-commerce inteso come shopping online”, Roberto Liscia, Presidente Netcomm. “L’e-commerce rappresenta oggi un vero e proprio ecosistema, e come tale va trattato e regolamentato, secondo un approccio che tenga conto sia del contesto globale nel quale le imprese italiane operano, sia delle peculiarità che caratterizzano lo scenario digitale globale. Occorre ragionare in termini di sistema e di filiera, dove al centro deve essere messo l’individuo. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza deve superare il modello tradizionale di efficientamento produttivo e favorire innanzitutto un approccio strategico per la creazione di un ecosistema di valore e competitivo a livello internazionale.”

Sempre più phygital

“Dopo due anni di incertezza, dettata dalla situazione sanitaria e dai lockdown, i negozi fisici sono tornati alla normalità. L’e-commerce però, sempre più dinamico e trasformista, rimane protagonista delle strategie di crescita dei retailer e della ripresa dei consumi”, spiega Valentina Pontiggia, Direttrice dell’Osservatorio eCommerce B2c Netcomm – PoliMI “Si continua a ridurre progressivamente lo spazio del Retail “solo fisico” così come di quello “solo online” a vantaggio di modelli omnicanale che sappiano coniugare i punti di forza dei diversi canali. Gli acquisti e-commerce degli italiani registrano un trend di crescita anche nel 2022”.

Il popolo dell’e-commerce

Sono ben 33,3 milioni gli italiani che mesi hanno comprato online un bene o servizio e hanno compiuto in media 1,3 acquisti al mese nel primo trimestre del 2022. Lo zoccolo duro di acquirenti abituali è composto da 17,4 milioni di utenti che nell’ultimo trimestre hanno effettuato tre o più acquisti nel trimestre e rappresentano l’89% delle transazioni, generando il 91% del valore totale degli acquisti online con uno scontrino dell’11% superiore alla media. Gli acquirenti sporadici sono 9,6 milioni, con uno o due acquisti online nel trimestre, in grado di effettuare l’11% delle transazioni e uno scontrino medio del 29% inferiore alla media.

Cosa acquistiamo online?

In evoluzione anche il paniere degli acquisti online. I prodotti segnano un +10% rispetto al 2021 e arrivano a 34 miliardi di valore complessivo, mentre i servizi valgono 11,9 miliardi (+28% rispetto al 2021) grazie ai segnali di ripresa già evidenziati lo scorso anno.

Nei prodotti, le diverse categorie merceologiche presentano andamenti diversi: i settori più maturi rallentano il proprio percorso di crescita (Abbigliamento con +10% rispetto al 2021 e Informatica & Elettronica di consumo con +7%), mentre il Food&Grocery si conferma il comparto più dinamico anche nel 2022, con una crescita del +17% anno su anno.

Oltre il limite tra online e offline

Secondo Gartner, il 25% delle persone trascorrerà almeno un’ora al giorno nel Metaverso per lavoro, shopping, istruzione, social media e intrattenimento entro il 2026. Nel Metaverso, la personalizzazione del prodotto accelera e i marchi potranno offrire esperienze altamente personalizzate perché sarà più facile per i consumatori trovare esattamente ciò che vogliono, quando lo vogliono. Realtà aumentata e realtà virtuale consentono di testare la qualità e la vestibilità di un prodotto prima dell’acquisto, e questo si traduce in una diminuzione dei resi. Secondo le previsioni di Netcomm, inoltre, il divario tra social media ed e-commerce continuerà a ridursi e il social commerce risulterà sempre più rilevante.

Osservatorio eCommerce B2c edizione 2022

Hanno collaborato: Accenture Interactive, Adobe, Akeneo, Alpenite, Banca Sella, BRT, DHL Express Italy, Drop | e-business & love!, eBay, Fiege Logistics, GLS Corriere Espresso, GS1 Italy, Intesa Sanpaolo, LexisNexis Risk Solutions, LIFEdata, Mirakl, Nexi, PayPal Italia, Portaltech Reply, Qapla’, San Marino Mail Italia, SAP, Spring GDS Italia, Transcom, UNGUESS, Webhelp, CD Group, Channable, Energo Logistic, Omnicom Media Group, PAYBACK, Retail REPLY, STEF, TESISQUARE, TYP, Wordline, Assintel


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR