riempitivo gdl header

Italtrans inaugura il nuovo hub logistico di Calcio (BG) e accende i riflettori su innovazione, sostenibilità e responsabilità nella logistica e nel trasporto

0

Una superficie complessiva di oltre 350.000 mq su cui sorge una vera e propria cittadella della logistica che si sviluppa su 150.000 mq di superficie coperta. Un alto livello di automazione grazie all’implementazione di un magazzino pallet automatico da più di 33.000 posti pallet e di un sistema miniload per la gestione di 4.000 referenze. Oltre 630 operatori e 250 carrelli elevatori che ogni giorno sono attivi per assicurare assicurare il miglior servizio per la logistica distributiva. Questi i numeri principali per prendere le misure del nuovo hub logistico Italtrans inaugurato il 7 giugno a Calcio (BG), in posizione strategica lungo la BreBeMi, a potenziare una rete di ben 19 piattaforme in tutta Italia.

Taglio del nastro del nuovo hub

Non bastano, però, i numeri a rendere la rilevanza di un progetto che concretizza le strategie di crescita e sviluppo di Italtrans che a Calcio ha voluto riunire autorità, clienti, fornitori e professionisti del settore logistico per festeggiare insieme il traguardo raggiunto e accendere i riflettori sulle criticità e le potenzialità dell’ambito della logistica e dell’autotrasporto, partendo dall’esperienza diretta di chi vive questo comparto ogni giorno.

“È per noi è un motivo di grande soddisfazione inaugurare questo polo”,  ha confermato Laura Bertulessi, AD di Italtrans, “che nasce per incrementare l’efficienza logistica di tutto il nord d’Italia, situato in una location strategica che lo rende appetibile ad aziende di respiro internazionale. Siamo riusciti a terminarlo nel giro di due anni, progettandolo e realizzandolo sulla base delle vere esigenze delle imprese del settore e per quanto siamo riusciti a fare voglio ringraziare tutti i nostri partner, clienti e fornitori”.

Focus su innovazione, sostenibilità e responsabilità sociale nel nuovo hub

La festa per il taglio del nastro del nuovo hub è stata quindi anche l’occasione per focalizzare l’attenzione sui temi dell’innovazione, della sostenibilità e della responsabilità sociale nel mono del trasporto e della logistica. Il compito di delineare il quadro in cui si trova ad operare  è stato affidato a Marco Melacini dell’Osservatorio “Contract Logistics” del Politecnico di Milano che ha messo in luce sia le criticità generate da carenze strutturali e dalla difficoltà sempre più marcata di reperire autisti, sia le grandi potenzialità di un settore, quale è quello dell’autotrasporto e della logistica che sta esplorando nuove strade per l’innovazione dei mezzi e dei processi.

Per approfondire queste tematiche Fabrizio Dallari, direttore del Centro di Ricerca sulla Logistica della LIUC Università Cattaneo, ha animato il dibattito della tavola rotonda che ha coinvolto Andrea Mantelli di Conad, Luca Piervittori di Ferrero, Riccardo Stabellini di Barilla e Antonio Tirelli di Iperal. Parole chiave del confronto sono state collaborazione, formazione e innovazione.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL