COLLIERS – header banner dal 1 novembre al 31 dicembre 2021
TELEROUTE – header banner dal 1 al 31 dicembre 2021

Immobili logistici: i risultati dell’indagine dell’Osservatorio Contract Logistics “Gino Marchet”

0
ESPRITEC – newsbanner dal 1 a 31 dicembre 2021
INTRALOGISTICA 2021 – newsbanner dal 22 NOVEMBRE AL 21 DICEMBRE 2021

Non esiste un’unica soluzione, ma esistono soluzioni diverse adatte alle singole situazioni.

Così Andrea Fossa, direttore scientifico dell’Osservatorio Contract Logistics “Gino Marchet” del Politecnico di Milano, ha riassunto i risultati dell’indagine condotta dall’Osservatorio in tema di immobili logistici e presentata ieri durante il convegno in versione digitale “Immobili logistici: asset strategici al servizio delle moderne supply chain”.

Automatizzati, sostenibili e capillari

Dalla ricerca emerge forte e chiara la spinta che l’emergenza sanitaria ha impresso alla trasformazione degli immobili per la logistica, che oggi sono sempre più automatizzati, sostenibili e capillari sul territorio.

“Sostenibilità, logistica 4.0 e omnicanalità stanno profondamente cambiando l’impostazione dei network logistici e dei singoli nodi, i magazzini, con un impatto sulle scelte di localizzazione e di impiego delle diverse tipologie di immobili, la nascita di nuovi concept di magazzino e la riqualificazione degli immobili in un’ottica di efficienza energetica e minor impatto ambientale” – ha spiegato Marco Melacini, Direttore scientifico dell’Osservatorio Contract Logistics.

“Sono trend che erano già in atto prima che scoppiasse la pandemia e a cui l’emergenza ha dato ulteriore visibilità e accelerazione, soprattutto per quanto riguarda la riprogettazione delle singole aree funzionali e l’automazione delle attività per garantire la sicurezza dei lavoratori”.

Location

Nel merito dei numeri, in tema di location emerge che il 47% delle imprese usa già tutte le tipologie di magazzino (stoccaggio, di prossimità con e senza stock, fulfillment center), mentre per il 40% degli intervistati aumenterà il ricorso ai magazzini di prossimità e ai fulfillment center nelle aree urbane.

Automazione

Quanto all’automazione, i risultati rilevati evidenziano una presenza sempre più massiccia delle soluzioni automatizzate, presenti ormai in diverse aree del magazzino, dallo stoccaggio (secondo il 71% dei rispondenti) all’allestimento (59%) e allo smistamento degli ordini in entrata (47%) e in uscita (71%).

“Le imprese considerano l’automazione un prerequisito per essere competitivi nel lungo periodo – ha spiegato Elena Tappia, Direttore dell’Osservatorio Contract Logistics – le riconoscono la capacità di poter gestire diverse unità di carico e un certo grado di scalabilità e flessibilità, ma restano dubbiose sulla possibilità di poter adattare le soluzioni automatizzate a edifici esistenti”

Sostenibilità

Infine di grande attualità anche la sostenibilità. In particolare, si diffondono le tecnologie per il risparmio energetico: le più diffuse sono quelle per l’illuminazione e i sistemi per movimentazione, come i carrelli con batterie agli ioni di litio. Le più interessanti in prospettiva sono green building e l’impiantistica.

Emanuela Stifano

Il tema sarà approfondito sul prossimo numero di aprile 2021 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR