CBRE – header banner dal 23 giugno al 23 agosto 2022

Nuova rete intermodale per trailer P400: Arcese potenzia i servizi combinati strada-ferrovia

0
MIP POLITECNICO DI MILANO – newsbanner dal 20 giugno al 31 luglio 2022
ESPRITEC – newsbanner dal 1 AL 31 LUGLIO 2022
NEWLAND – newsbanner dal 4 aprile al 4 luglio 2022
WORLD CAPITAL – newsbanner dal 1 giugno al 31 agosto 2022
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 30 settembre 2022

Il futuro e il presente del trasporto è sempre più intermodale. Il 13 dicembre, infatti, è stato avviato l’esercizio commerciale per treni merci della galleria ferroviaria di base del Ceneri, accesso che offrirà nuove opportunità per il trasporto merci tra l’Italia e l’Europa grazie a una rete intermodale adatta per i semirimorchi con profilo P400.

Oltre 5.800 i convogli che – dopo un periodo di test avviato il 4 settembre – hanno attraversato questa tratta per verificare i processi e testare gli impianti in condizioni reali.

Arcese sempre più intermodale

L’attivazione della nuova rete rappresenta una svolta importante per tutto il trasporto intermodale europeo e per Arcese che da anni investe nel proprio network e nei servizi combinati strada-ferrovia.

“Con l’apertura del corridoio dei 4 metri attraverso il Gottardo, e grazie alla storica e consolidata partnership con
Hupac, esplode la nostra capacità di servizio, che riuscirà a passare da 37 relazioni settimanali a 160 previste da
gennaio 2021”, ha dichiarato Emanuele Arcese – Road Freight FTL Director di Arcese.

Non aumenta solo la capacità di carico, e quindi la possibilità di rispondere alla crescente richiesta di servizi
intermodali da parte dei clienti, aumenta infatti anche la flessibilità del servizio offerto nelle diverse relazioni e
soluzioni proposte, grazie ai collegamenti gateway attivi con Anversa e Rotterdam – la porta di accesso al Benelux e al traffico marittimo worldwide e collegamenti gateway per Colonia e oltre fino in Scandinavia.

La rimozione di alcuni colli di bottiglia infrastrutturali e la richiesta di servizi di trasporto sempre più sostenibili stanno dando un nuovo impulso al trasporto intermodale, ma non solo. Altro fattore che nel 2020, anno di fatto storico per il settore, ha ulteriormente spinto l’intermodale è la sua sicurezza garantita appunto dalla possibilità di contatti molto più diradati.

A tutta intermodalità

“Tutti fattori vincenti non solo rendono questa soluzione di trasporto merce la soluzione del futuro per il trasporto in Europa, ma confermano Arcese pioniere e leader del settore. È con orgoglio e soddisfazione che oggi vediamo realizzata la visione di Arcese”, racconta Guido Pietro Bertolone – CEO del Gruppo Arcese – e prosegue: “Oggi la governance del nostro modello di business, costruita negli ultimi 10 anni con dedizione e coraggio trova finalmente piena attuazione. Dieci anni in cui abbiamo lavorato sul disegno di un network intermodale integrato (treno e short sea) e sulla standardizzazione della flotta di semirimorchi. Anno
dopo anno abbiamo costruito un parco di più di 3.000 semirimorchi mega intermodali P400 con una strategia per uno scenario competitivo Europeo; abbiamo “sofferto” nell’attraversare le Alpi, ma oggi il nostro sogno è realtà. Efficienti, green e flessibili. Oggi per noi è un nuovo giorno!”.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR