LOGICOR – header banner dal 1 giugno al 31 luglio 2024
DEA CAPITAL – header banner dal 24 maggio al 30 giugno + 1/9 al 23/9

Just Eat tutela i suoi rider

0
CEVA – newsbanner dal 8 luglio al 7 agosto 2024
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 31 agosto 2024

Il polo logistico del mercato food delivery di Just Eat, inaugurato lo scorso marzo nella Capitale, ha ricevuto di recente una delegazione del Comune di Roma nel corso di una visita istituzionale all’hub romano. Tema dell’incontro, l’impegno congiunto a tutela dei rider, categoria di lavoratori sempre più parte integrante del tessuto socio-economico cittadino. Alla visita ufficiale hanno partecipato l’Assessore alle Attività Produttive, Pari Opportunità e Sicurezza, Monica Lucarelli e l’Assessore al Commercio, Attività Produttive e Politiche Europee, Municipio Roma I Centro, Jacopo Scatà.

Un luogo di formazione e scambio

L’Hub di Just Eat della Capitale rappresenta un impegno concreto dell’azienda per il settore food delivery della città capitolina. Il centro logistico di circa 500 metri quadrati è stato pensato per tutelare i rider e agevolarli nel loro lavoro, con uno spazio in cui i lavoratori hanno a disposizione 120 scooter elettrici Cooltra, possono ritirare l’equipaggiamento necessario per svolgere la loro mansione, fare un break e ricevere il supporto di  un team dedicato. Oggi l’hub opera con 150 rider dipendenti – altre 30 nuove assunzioni sono previste entro fine novembre – e circa 14 impiegati con mansioni di coordinamento delle attività relative al corretto funzionamento della struttura. Questo investimento risponde anzitutto a un’esigenza espressa dai lavoratori stessi, ma intende proporre anche un luogo di formazione e scambio per i rider dipendenti, specie in ambito sicurezza, concretizzare l’impegno dell’azienda per una mobilità più green e migliorare il servizio per clienti e ristoranti, che a Roma sono oltre 4.500.

TOYOTA – newsbanner dal 19 giugno 2024 al 18 giugno 2025

Lavoratori tutelati

L’Hub di Roma, infatti, si inserisce nel contesto più ampio del modello di lavoro dipendente che l’azienda prevede per i suoi rider: sono 3.000 i rider assunti da Just Eat attualmente in Italia, e che hanno diritto a tutti i benefici di un contratto di lavoro subordinato, come ad esempio paga oraria, assicurazione di legge e integrativa, formazione in ambito codice della strada e sicurezza, visita medica periodica, diritto a ferie e malattia, maternità e paternità e strumenti di lavoro e protezione. Davide Bertarini, Head of Delivery di Just Eat Italia, ha dichiarato: “Sicurezza è per noi priorità e parte integrante di quell’attenzione ai lavoratori che ci ha portato ad assumere tutti i nostri rider come dipendenti in Italia, con l’obiettivo di garantire loro ogni tutela prevista dal contratto collettivo nazionale”.

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Comments are closed.

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL