CONTRACT LOGISTIC header banner dal 15 ottobre al 21 novembre 2019
GEP – Header banner dal 1 al 31 ottobre 2019
CLS – Header banner dal 1 settembre al 31 dicembre 2019
riempitivo gdl header

Inaugurato a Bologna il nuovo centro di smistamento di Poste Italiane

0
BAOLI – newsbanner dal 1 ottobre al 31 ottobre 2019
LPR – newsbanner dal 1 settembre al 30 Novembre 2019
LOGISTIC FORUM GUBBIO – newsbanner dal 23 settembre al 23 ottobre 2019

Un emozionante Inno di Mameli ha accolto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, volato all’Interporto di Bologna per assistere all’inaugurazione del nuovo maxi centro di smistamento di Poste Italiane: il nuovo impianto automatizzato è ampio 75.000 mq. e può gestire fino a 250.000 colli al giorno.

Presenti in prima fila, oltre al presidente di Poste Italiane, Maria Bianca Farina e all’ad Matteo Del Fante, anche il Vice Presidente del Consiglio, Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, il sottosegretario al Ministero del Lavoro, Claudio Durigon, il Presidente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, e il Sindaco della città metropolitana di Bologna, Virginio Merola.

Una missione antica ma rinnovata

“Sono davvero lieto di essere con voi in questa occasione così importante” ha dichiarato il Presidente Mattarella.  “I passi del portalettere, la sua bicicletta e via via gli strumenti sempre più moderni hanno accompagnato la vita quotidiana del nostro Paese e questa condizione ha fatto sì che le Poste, insieme alla rete ferroviaria e alla rete stradale, connettessero il nostro Paese al suo interno.

Naturalmente le condizioni cambiano, cambiano le esigenze, la tecnologia progredisce. Cambiano le richieste di servizi dei cittadini e le risposte che Poste Italiane deve fornire ai propri utenti. La modernizzazione veloce, di cui questo hub è un esempio straordinariamente efficace, è un passaggio indispensabile, per rendere sempre più stretto il rapporto con i cittadini del nostro Paese.

Il percorso di Poste Italiane sottolinea che l’innovazione non è nemica del lavoro. I 135mila dipendenti lo dimostrano: lo dimostra il contributo che Poste Italiane fornisce al PIL del nostro Paese, 12 miliardi di euro”.

Un hub strategico

L’amministratore delegato di Poste Italiane Matteo del Fante ha sottolineato come il nuovo centro per l’e-commerce rappresenti un tassello fondamentale del piano di crescita del gruppo e una infrastruttura strategica per consolidare la leadership nel settore corriere espresso pacchi.

Nel 2018 l’azienda ha consegnato a domicilio 127 milioni di pacchi (+12,4% sul 2017), con una media di 500 mila consegne giornaliere e una quota di mercato del 33%.

“Il nuovo hub – ha dichiarato Del Fante – è un’infrastruttura strategica che consente di proseguire nel solco della grande trasformazione del nostro core business di corrispondenza e pacchi e di valorizzare al meglio il potenziale di crescita dell’e-commerce.

Operando in sinergia con la rete distributiva più capillare d’Italia, valorizzando le opportunità offerte dalla digitalizzazione dei servizi a sostegno dello sviluppo, e cogliendo i vantaggi offerti dalla convergenza tra pagamenti digitali e telecomunicazioni mobili, il centro di Bologna consentirà di realizzare il percorso di sviluppo e innovazione delineato dal piano industriale Deliver 2022, fornendo un contributo decisivo per la diffusione dell’e-commerce e della digitalizzazione nel Paese”.

La tecnologia presente nel centro di smistamento

Nell’impianto – realizzato in 17 mesi e risultato di un investimento complessivo di 50 milioni di euro tra costi di fabbricato e dotazioni tecnologiche – lavorano quotidianamente circa 600 persone che interagiscono con una struttura altamente automatizzata.

Cuore dell’centro – il cui sviluppo immobiliare è stato gestito da Prologis – è il sistema di smistamento – fornito da Fives Group – composto da tre sorter che distribuiscono automaticamente i pacchi per destinazione e peso / volume su 544 uscite e consentono la gestione sia di buste e piccoli pacchi, sia dei colli extra-large, fino a 70 kg, per una capacità complessiva di 34.000 pezzi all’ora.

Gran parte delle 182 baie sono dotate dei sistemi di immobilizzazione dei veicoli (tecnologia Rite-Hite) per una completa sicurezza delle operazioni di carico e scarico.

Un hub amico dell’ambiente

L’impianto bolognese segna nuovi standard tecnologici e si pone come punto di riferimento per i prossimi sviluppi di Poste Italiane, anche sotto il profilo della sostenibilità.

Sul tetto dell’impianto sono stati installati pannelli fotovoltaici che coprono una superficie di 5.500 metri quadrati e generano una quantità di elettricità superiore al fabbisogno energetico diurno, riducendo di 225 tonnellate le emissioni annue di CO2.

La struttura inoltre ha ottenuto il livello “Gold” per la certificazione LEED.

Il centro di smistamento di Bologna è il punto focale del network logistico di Poste Italiane, costituito dai centri di Piacenza, Roma e Milano collegati alle filiali e ai centri di recapito distribuiti sul territorio nazionale, per la gestione operativa dei pacchi che sono poi consegnati dalla rete dei portalettere e dei corrieri.

Alice Borsani

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi

Comments are closed.