riempitivo gdl header

Immobili “chiavi in mano”: lo sviluppatore GSE acquisito al 100% dalla tedesca Goldbeck

0

Acquisizione strategica nel comparto immobiliare logistico-industriale: GSE, EPC Contractor internazionale specializzato nel corporate Real Estate per la realizzazione “chiavi in mano” di immobili industriali, commerciali e logistici, annuncia la riorganizzazione del suo capitale con l’acquisizione del 100% da parte della tedesca Goldbeck.

La compagnia tedesca di costruzioni GOLDBECK ha, infatti, rilevato il controllo di GSE da Towerbrook Capital
Partners e dagli altri soci. L’acquisizione di GSE da parte di un riconosciuto operatore dell’industria delle costruzioni getta le basi per uno sviluppo a lungo termine di GSE nel suo core business: essere un global contractor al servizio delle aziende nella realizzazione dei loro nuovi immobili d’impresa.

Durante i 13 anni di possesso di GSE, Towerbrook ne ha accelerato sostanzialmente la crescita a livello internazionale, fino a raggiungere un fatturato complessivo di 570 milioni di euro nel 2018: un aumento del 30% rispetto all’anno precedente.

GOLDBECK e GSE partnership strategica nel real estate

GOLDBECK è una società specializzata nell’edilizia “chiavi in mano” con sede in Germania. L’azienda genera ricavi pari a 2,7 miliardi di euro, conta oltre 6.500 dipendenti e controlla nove impianti di produzione. Il gruppo opera con 40 filiali in Germania ed Europa Centrale.
Jan-Hendrick Goldbeck, CEO di GOLDBECK, ha dichiarato: “GOLDBECK ha deciso questa acquisizione non solo per espandere la propria copertura geografica, ma anche per avvalersi delle competenze di due aziende forti, in modo da offrire ai nostri clienti una gamma ancora più ampia di prodotti e servizi ad alto valore aggiunto”.

Il perimetro geografico delle attività di GOLDBECK è complementare a quello di GSE: ad oggi GOLDBECK opera prevalentemente in Europa centrale (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Austria, Svizzera, Paesi Bassi, Regno Unito, Scandinavia) e conta sul nuovo partner per coprire i mercati dell’Europa occidentale e meridionale: Spagna, Portogallo, Italia, Romania e, naturalmente, Francia, nonché per il grande valore della presenza di GSE in Cina.

Due realtà complementari per catalizzare esperienza e know how

“GOLDBECK non sta solamente acquisendo una società fatta di uomini e donne e di nuove filiali geografiche, ma sta anche investendo in un’expertise efficace ed agile, complementare alla sua. È questo il DNA che il Gruppo desidera mantenere”, ha detto Roland Paul, CEO di GSE, che ha aggiunto: “GOLDBECK è stata fondata su valori comuni a quelli di GSE: fiducia nell’imprenditorialità, enfasi sull’alta qualità del lavoro e rispetto per i propri dipendenti”.

Unendosi, GOLDBECK e GSE, due forti player nei rispettivi mercati, creeranno un operatore europeo fortemente competitivo nel settore dell’edilizia “chiavi in mano”. Benché l’integrazione delle rispettive attività regionali e la condivisione delle proprie competenze siano le motivazioni principali dell’acquisizione, non è previsto l’assorbimento di GSE in GOLDBECK.

Diventando una sussidiaria di GOLDBECK, GSE manterrà infatti il proprio status di società indipendente, insieme alla propria identità commerciale e al riconosciuto brand GSE. Essa manterrà la propria identità di partner internazionale per le aziende clienti della logistica, del commerciale e della manifattura. GSE continuerà inoltre i suoi ambiziosi piani di sviluppo nell’ R&D in perfetta sintonia con l’approccio orientato all’innovazione di GOLDBECK.

La governance di GSE rimarrà invariata per mantenere la sua indipendenza e il suo DNA: Roland
Paul ricoprirà la carica di Presidente e il Comitato Esecutivo rimarrà il medesimo.

La transazione rimane soggetta all’approvazione dell’Autorità per la concorrenza, e la sua
finalizzazione è prevista per il secondo trimestre del 2019.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL