CLS – Header banner dal 1 aprile al 30 giugno 2019
riempitivo gdl header

Dal tetto del furgone direttamente alla porta di casa: così UPS testa la consegna con drone

0
GEP – newsbanner dal 1 al 30 giugno 2019
BAOLI – newsbanner dal 1 maggio al 30 giugno 2019

UPS è sempre più vicina all’applicazione dei droni per le consegne: già negli ultimi test ha testato l’integrazione della consegna con drone nelle operazioni di recapito giornaliere.

In questi ultimi test UPS ha collaborato con il produttore di droni Workhorse Group e le prove effettuate hanno dimostrato gli aspetti potenzialmente efficienti che la consegna con i droni può fornire su percorsi di consegna in zone rurali.

Così il furgone mette le ali

UPS ha annunciato la riuscita del test di un drone che, lanciato dalla sommità di un furgone UPS, effettua autonomamente la consegna di un pacco presso un’abitazione e torna al veicolo, mentre il corriere prosegue lungo il percorso per eseguire un’altra consegna.

UPS ha condotto il test a Tampa, in Florida (Stati Uniti) in collaborazione con Workhorse Group, sviluppatore di droni e camion elettrici a batteria con sede in Ohio. Workhorse ha costruito il drone e il furgone elettrico UPS utilizzato per il test.

Il drone come mai era stato testato

“Questo test si differenzia da tutto ciò che finora abbiamo fatto con i droni. Comporta implicazioni per le future consegne, in particolare in località rurali dove spesso i nostri furgoni devono percorrere chilometri per effettuare una singola consegna”, ha affermato Mark Wallace, senior vice president of global engineering and sustainability di UPS.

“Immaginate un percorso di consegna triangolare con fermate che si trovano a chilometri di distanza dalla strada. L’invio di un drone da un furgone per effettuare anche solo una di queste consegne può tradursi in una riduzione di costosi chilometri percorsi. Si tratta di un grande passo nella direzione del rafforzamento dell’efficienza del nostro network e della riduzione delle emissioni”.

Per un servizio più efficace ed ecosostenibile

Grazie a ORION, il software di UPS di ottimizzazione e navigazione integrate su strada in uso negli Stati Uniti, la riduzione di anche un solo chilometro per driver al giorno, nel corso di un anno, può comportare per UPS un risparmio fino a 50 milioni di dollari.

Ogni giorno per UPS viaggiano circa 102.000 corrieri. Le consegne rurali sono le più onerose da espletare, a causa dei costi in termini di tempo e di veicolo necessari per completare ciascuna consegna.

In questo test, il drone ha effettuato una consegna mentre l’autista continuava a percorrere la strada per eseguirne un’altra. Per UPS, questo rappresenta un possibile ruolo da affidare ai droni in futuro.

Drone alleato dei driver

“I driver sono il volto della nostra azienda e questo non cambierà”, ha affermato Wallace. “Ciò che ci interessa è il potenziale aiuto che i droni possono dare agli autisti in vari punti dei loro percorsi, consentendo loro di risparmiare tempo e di soddisfare le crescenti esigenze di servizio al cliente risultanti dalla crescita dell’e-commerce”.

Il drone adoperato per il test era il Workhorse HorseFly UAV Delivery System. Si tratta di un drone di consegna ottacottero, a elevata efficienza, completamente integrato nella linea Workhorse di veicoli da consegna elettrici/ibridi.

Il drone si aggancia al tetto dell’autocarro. Una gabbia sospesa sotto il drone si estende mediante un portello all’interno del veicolo.

Il driver UPS all’interno carica un pacco nella gabbia e, premendo un pulsante su un touch-screen, invia il drone all’indirizzo lungo un percorso autonomo prestabilito. Il drone HorseFly a batteria si ricarica quando è agganciato.

Ha un autonomia di volo di 30 minuti e può trasportare un pacco che pesa fino a 4,5 kg.

Dall’immaginazione alla realtà

“È fantastico vedere questa tecnologia applicata in modo così pratico”, ha affermato Stephen Burns, fondatore e CEO di Workhorse. “Il drone è completamente autonomo. Non richiede un pilota. Pertanto, mentre il drone è in volo l’autista è libero di effettuare altre consegne”.

Da anni UPS testa tecnologie di automazione e robotica, inclusi i droni. Lo scorso settembre, l’azienda ha predisposto una consegna simulata di farmaci urgenti da Beverly, in Massachusetts (Stati Uniti), a un’isola situata quasi cinque chilometri al largo della costa atlantica.

Inoltre, UPS utilizza ampiamente i droni per aiuti umanitari, collaborando con organizzazioni terze per la consegna di vaccini e sangue necessari a salvare vite in località del Ruanda difficili da raggiungere. UPS sta inoltre utilizzando i droni all’interno dei suoi magazzini per il controllo dell’inventario sugli scaffali collocati in alto.

A differenza di tutti i test precedenti, il test del drone UPS più recente dimostra che i droni potrebbero aiutare a effettuare consegne a domicilio non urgenti, integrandosi nelle operazioni quotidiane.

Cosa dice la legge sui piccoli sistemi aerei?

Lo scorso anno, la Federal Aviation Administration (FAA) statunitense ha emanato disposizioni sui piccoli sistemi aerei senza pilota che permettono utilizzi commerciali di droni e ha aperto la strada a estese applicazioni future.

UPS rappresenta uno dei 35 soggetti interessati selezionati da un campione trasversale di stakeholder chiave per far parte del comitato consultivo in materia di droni della FAA.

Il comitato fornirà alla FAA consigli su questioni chiave relative all’integrazione dei droni che, in definitiva, consentiranno il funzionamento protetto e sicuro dei droni all’interno del National Air Space System degli USA.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL