CROWN – header banner dal 1 settembre al 30 novembre 2018
CLS – Header banner dal 14 maggio al 31 dicembre 2018
riempitivo gdl header

Brivio & Viganò avvia le attività nel nuovo polo logistico alimentare di Pozzuolo Martesana

0
OM STILL newsbanner dal 1 settembre al 30 novembre 2018
Euro Expo – Newsbanner dal 1 ottobre al 21 novembre 2018
TRANSPOTEC – newsbanner dal 1 ottobre al 24 febbraio 2019

È operativo il nuovo Polo Logistico Alimentare di Pozzuolo Martesana (MI) dell’operatore logistico Brivio & Viganò.

L’hub sorge in un’area altamente strategica in concomitanza con lo snodo autostradale che sorge tra la Bre.Be.Mi. e la TEEM e che permette di raggiungere in tempi brevi le maggiori città della Lombardia.

La realizzazione del progetto è stata affidata a Prologis che, lavorando ogni giorno per nove mesi insieme all’azienda brianzola, ha dato vita a una piattaforma di ultima generazione, curata nei minimi dettagli a favore della logistica del freddo a 360° gradi.

Un polo logistico alimentare ad alta efficienza

Dotato di oltre 23.000 mq di celle di nuova generazione a temperatura variabile da negativa (-25 C°) a positiva, il deposito è dotato di scaffalature a 5 livelli di stoccaggio, con la possibilità di prevedere variazioni o livelli aggiuntivi, sfruttando al massimo i 12 metri di altezza del magazzino, garantendo in questo modo ai clienti soluzioni personalizzabili e tailor-made, sviluppando una logistica efficiente e un’ottimale conservazione dei diversi prodotti a stock.

Inoltre, per assicurare un servizio di qualità con una copertura di 365 giorni, 24 ore su 24, la procedura di movimentazione e l’interfaccia IT sono state progettate ad hoc al fine di garantire una perfetta integrazione dei processi e dei flussi.

Sostenibilità ambientale

Non è mancato anche nel disegno di questo progetto un forte interesse verso la sostenibilità ambientale, grazie all’installazione di un impianto di cogenerazione in grado di produrre circa 7,5 MW annui di energia elettrica e circa 2,3 MW annui di energia frigorifera, grazie al recupero dei cascami termici.

Anche l’impianto frigorifero è da considerarsi di nuova generazione, grazie alla sua centrale costituita da diversi compressori funzionanti ad ammoniaca e CO2, ottenendo così un Coefficiente di Prestazione medio complessivo molto elevato e un impatto ambientale nullo in termini di effetto serra.

Tutto ciò ha permesso il conseguimento della certificazione LEED® (Leadership in Energy and Enviromental Design), che attesta le prestazioni degli edifici in termini di risparmio energetico e idrico, riduzione delle emissioni di CO2, miglioramento della qualità ecologica degli interni, materiali e risorse utilizzate.


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL