CLS – Header banner dal 1 aprile al 30 giugno 2019
riempitivo gdl header

One Express: la ferrea logica dei numeri del pallet network italiano

0

Spirito d’impresa, voglia di fare, logica collaborativa, centralità della persona da un lato, meticolosa attenzione ai KPI (Key Performance Indicators) dall’altro: questa la forza di One Express, il primo pallet network espresso italiano al 100 per cento operativo nel Bel Paese e (tramite ALLNET – The Alliance of Networks e altri partner di riferimento) in grado di raggiungere 347 terminali in più di 40 Paesi europei. Il tutto condito da un entusiasmo contagioso ben rappresentato da Claudio Franceschelli, presidente del Consiglio di Amministrazione, travolgente nel suo modo di indirizzare i lavori dell’ottava Convention nazionale tenutasi lo scorso aprile a Bologna, una Convention tutta incentrata sui numeri.
“In pochi anni One Express ha raggiunto gli obiettivi che si era prefissata”, niente male per quel gruppo di otto sognatori che nel 2007 si misero in testa l’idea apparentemente balzana di portare in Italia – terra dell’individualismo imprenditoriale più sfrenato – un modello di business basato invece sulla lealtà, la fiducia e la collaborazione tra persone e imprese in grado di garantire ai clienti la consegna di uno o più pallet a 24/48/72 ore dal ritiro, in tutta Italia ed in buona parte d’Europa, in base alla destinazione finale.
Gli otto “illuminati” delle origini sono diventati 25, grazie ad una strategia di ampliamento della compagine azionaria che proseguirà anche nel 2016 e che intende trasformare sempre più gli Affiliati in soci.

Ai nuovi soci si aggiungono i nuovi aderenti al Network che hanno permesso di renderlo sempre più diffuso e capillare sul territorio nazionale per un totale di oltre 120 Affiliati: “in un mondo di grandi cambiamenti – ragiona il direttore generale, Bruno Oliana – occorre essere sempre più uniti per essere sempre più forti e competitivi”.

Un pallet network che, nel 2015, ha movimentato più di 1.600.000 bancali

Marco Ferriani, direzione commerciale, emoziona la platea: “nel corso del 2015 abbiamo movimentato, tra Italia, estero e transiti misti, 1.608.721 bancali (nel 2014: 1.369.070, con un aumento quindi del 17,5% – NdA). Il tutto facendo coincidere on time del servizio e qualità dell’offerta” tradottasi in immediata disponibilità della POD (Proof of Delivery – NdR), tracciabilità, culto dell’informazione al cliente e in una percentuale del tutto fisiologica di danneggiamenti: “non a caso – concretizza Ferriani – ben 81 Affiliati su 120, quasi il 70%, hanno raggiunto nel 2015 risultati tali da beneficiare dei premi di risultato previsti”. Insomma gli Affiliati ci credono come dimostra pure un altro dato: “sono circa 500 i mezzi telonati dal 2008 ad oggi con la nostra livrea – dice il manager – e di questi ben 85 sono quelli che si sono aggiunti negli ultimi dodici mesi”.

Sempre più forti anche all’estero

Matteo Ravazzin, responsabile dello sviluppo estero, sottolinea una crescita dei volumi del 23,7% negli invii all’estero rispetto al pari periodo del 2015. Mantenendo in proiezione il medesimo trend per l’intero anno, il dato a fine 2016 supererebbe i 35mila bancali.

I Paesi dove i pallet nazionali vengono indirizzati con maggiore frequenza sono la Germania (37%), la Francia (22), la Gran Bretagna (9) e con percentuali via via decrescenti Polonia, Austria, Belgio, Olanda, Svizzera e Spagna: “in ciascun Paese – spiega Ravazzin – abbiamo adottato un modello commisurato ai volumi e alle esigenze di ciascun mercato”. Così in taluni casi (Germania, Francia, Belgio e Olanda) vengono garantite partenze giornaliere dagli hub di Milano e Bologna, verso altri Paesi le partenze sono bi ovvero tri – settimanali: “su alcune realtà agiamo grazie alla rete pan-europea ALLNET, in altre zone siamo presenti grazie alle intese con partner locali selezionati tra i più qualificati operatori di ciascun Paese”.

L’articolo completo è pubblicato sul numero di maggio del Giornale


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi
error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL