GEP – Header banner dal 2 novembre al 2 dicembre 2020
CLS – Header banner dal 1 settembre al 31 dicembre 2020
riempitivo gdl header

Il Magazzino del Mese di Carlini Gomme a Catania: la logistica reinventa la ruota

0
OM STILL – newsbanner dal 1 novembre al 30 novembre 2020

“Lo studio dell’item, in tutte le sue specificità dal punto di vista della movimentazione, dello stoccaggio e della distribuzione, ha rappresentato la chiave di volta dell’intera progettazione logistica”, esordisce a raccontare Eugenio Novelli, Logistics Manager Carlini Gomme. Di che tipo di item stiamo parlando, tanto sfidante dal punto di vista logistico? Dello pneumatico, una delle referenze più complesse da gestire lungo la supply chain. Basti pensare che il mondo del tyre include sia gomme di ridotte dimensioni per mezzi manuali come carriole per il garden, fino a copertoni di grandi (grandissime) dimensioni per macchine agricole o movimento terra, passando per pneumatici con specifiche mescole per applicazioni particolari.

Carlini Gomme, con headquarter a Monsampolo del Tronto (AP), opera nel mondo degli pneumatici da oltre sessant’anni, forte della capacità di aver progressivamente ampliato sia la gamma di soluzioni fornite sia la propria rete distributiva, fino ad arrivare a oltre 2 milioni di pneumatici distribuiti a più di 15.000 operatori attivi sul territorio italiano, grazie a una rete di ben 9 magazzini per una distribuzione diretta e capillare.

In principio fu lo pneumatico

“Cinque anni fa il network distributivo era tutto da costruire”, ricorda Eugenio Novelli, “e siamo partiti dal solido know how di settore di cui disponeva la proprietà, grazie all’esperienza acquisita nei lunghi anni di attività.

Il polo logistico di Catania, progettato per rispondere alle esigenze di rapidità di approvvigionamento ed efficienza delle aziende del territorio, è nato, come anticipato, partendo dallo studio delle specificità dell’item da gestire. Classificando le diverse referenze per peso, volume e velocità di rotazione, abbiamo cercato di creare degli standard operativi che ci consentissero di uniformare e, quindi, semplificare il più possibile le attività. Abbiamo agito applicando una precisa regola di condotta: affrontare problemi complessi con sistemi semplici e ottenere così soluzioni semplici”.

L’hub di Catania gestisce l’intero portfolio di referenze distribuite da Carlini Gomme, ossia le linee di pneumatici per vetture, truck, agricoltura e garden e l’accessoristica relativa.

La preventiva fase di analisi ha portato alla definizione di 3 macro-tipologie di prodotto. In una gestione tradizionale, ciascuna tipologia avrebbe richiesto strumenti e soluzioni dedicate, accrescendo di molto il livello di complessità in magazzino. “Per ottenere una situazione il più possibile omogenea”, spiega Novelli, “abbiamo lavorato innanzitutto alla progettazione di una UdM – Unità di Movimentazione – efficace per la gestione di tutte le diverse tipologie di prodotto. Nel mondo degli pneumatici vengono utilizzati contenitori molto diversi, ma noi abbiamo trovato la quadratura del cerchio in una particolare cesta metallica che, consentendo varie modalità di riempimento – in strati orizzontali, verticali e a treccia – ci consente di gestire al meglio tutte le diverse referenze trattate, uniformando gli strumenti di stoccaggio e movimentazione”.

Il secondo step, prima di iniziare a lavorare alla progettazione del magazzino fisico, è stato l’individuazione dei magazzini logici e il tracciamento dei flussi che avrebbero attraversato la piattaforma. “Solo dopo che il nuovo hub è stato ben chiaro nella nostra mente”, racconta Novelli, “ci siamo rivolti ai partner tecnologici perché sviluppassero e concretizzassero il progetto con soluzioni ad hoc. Il livello di customizzazione, infatti, è stato altissimo e ha riguardato ogni diverso aspetto sia software sia hardware”.

Soluzioni a misura di specifica esigenza per gli pneumatici

Le particolarità caratterizzanti la referenza pneumatico dal punto di vista della movimentazione e dello stoccaggio hanno rappresentato, come sottolineato da Eugenio Novelli, una vera e propria sfida cui è stato chiamato a rispondere il team Advanced Applications di STILL Italia. Squadra di professionisti dell’intralogistica che ha risposto affrontando il progetto a 360°, dalle fasi di consulenza inziale, fino alla fornitura e personalizzazione delle scaffalature e dei mezzi di movimentazione, con relativo software per l’automazione degli stessi utilizzati in modalità laser-guidata.

“Catania”, racconta Maurizio Bernardi, Area Manager Advanced Applications STILL, “ha rappresentato l’inizio della nostra collaborazione con Carlini Gomme. Poter partecipare al progetto fin dalle fasi preliminari, avendo davanti un foglio ancora bianco, è stato sicuramente molto sfidante, ma anche stimolante, e ci ha consentito di disegnare un ecosistema di soluzioni customizzate in grado di rispondere al meglio alle specifiche esigenze espresse. A partire da quella che è la priorità per Carlini Gomme, ossia semplificare i processi per aumentare la velocità e la capacità di prelievo, in tutta sicurezza. Inizialmente il cliente era orientato a replicare l’organizzazione già adottata in altri suoi depositi, ma insieme siamo riusciti a sviluppare una soluzione realmente innovativa. Decisiva è stata la fase di test perché ci ha consentito di dimostrare sul campo la validità di quanto proposto”.

Un progetto frutto di lavoro di squadra

La velocità è stata una costante di tutto il progetto: i primi contatti tra STILL e Carlini son partiti a settembre 2019, due mesi dopo, a novembre, è stata definita la commessa, a febbraio abbiamo avviato la consegna delle scaffalature e tra fine maggio e inizio giugno – appena conclusa la fase di lockdown nazionale – il magazzino era pronto ad entrare in azione. “Per raggiungere questo risultato”, tiene a sottolineare Bernardi, “è stato importantissimo il lavoro di squadra sia con Carlini Gomme e i suoi partner tecnologici, sia con la Direzione Commerciale STILL e i nostri dealer attivi sul territorio: Movilog nelle Marche – dove Carlini Gomme ha la sua sede centrale – e Ovecar per la Sicilia”. I nostri dealer, in particolare, hanno avuto un ruolo fondamentale per il buon esito della commessa, sono inoltre stati coinvolti in un intenso percorso di formazione per poter garantire assistenza adeguata su mezzi tanto evoluti e customizzati.

Poter affiancare il cliente fin dalle fasi iniziali del progetto ci ha consentito di fornire supporto a 360°, anche su attività di non diretta nostra competenza, ma che avrebbero influito sull’integrazione delle nostre soluzioni, come, per esempio, la realizzazione della pavimentazione nell’area mezzi con guida ad induzione e l’allestimento della sala ricarica.

Per lo sviluppo delle soluzioni integrate presso il magazzino di Catania siamo partiti dallo studio dell’UdC adottata da Carlini per creare uno standard nella movimentazione e nello stoccaggio. Dover gestire merce non pallettizzata, ma allocata in ceste metalliche ha rappresentato una grossa sfida, ma si è anche rivelata la scelta vincente nell’organizzazione dei flussi all’interno del nuovo hub.

Il nostro compito è stato customizzare le nostre macchine in modo tale da permettere alla soluzione trovata dal cliente di esprimere tutto il suo potenziale in termini di ottimizzazione.

Un ulteriore aspetto da non sottovalutare è stato il peso delle UdC. Basti pensare che le ceste metalliche vuote hanno un peso proprio di oltre 2 quintali e un peso a pieno carico di circa 900 kg. che devono essere portati in tutta sicurezza da carrelli trilaterali fino a 10 metri di altezza di sollevamento (5° livello di stoccaggio) garantendo la portata residua di quasi 900 kg, nonostante l’attrezzatura applicata alle forche che ne ha notevolmente modificato il baricentro. Per questo i mezzi adottati dovevano combinare potenza, affidabilità, alte prestazioni e versatilità”.

Un lavoro di millimetri

Dal punto di vista della scaffalatura, il lavoro con STILL per dare forma all’hub di Catania ha preso avvio già dalla definizione del layout, ponendo un dato al centro di tutto: l’AST – larghezza minima della corsia di lavoro. Fin da subito è stato chiaro che sarebbe stato un lavoro in cui i millimetri sarebbero stati cruciali. È iniziato così un percorso intenso e sfidante per arrivare dai numeri della fase di analisi preliminare a un progetto concreto e definitivo.

Mauro Cipolla, Product Manager Racking Systems della divisione Advanced Applications STILL: “Nella progettazione delle scaffalature abbiamo puntato a sfruttare al meglio la volumetria del capannone, riuscendo a raggiungere un’altezza importante nonostante le modifiche alle scaffalature tradizionali – dimensionate sismicamente in base al luogo di installazione – ridisegnate per poter ospitare le ceste metalliche. La scelta di compattare il magazzino con corsie strette ha poi determinato la selezione dei mezzi da adottare”.

  • Ragione Sociale: Carlini Gomme Srl
    Sede Legale ed Amministrativa – Indirizzo: Zona Ind.le Pagliare del Tronto (AP)
    Sito Internet: www.carlinigomme.com
    Settore merceologico di riferimento: Distribuzione pneumatici
  • Indirizzo: Zona Industriale di Catania
    Superficie coperta totale: 6.300 mq
    Anno entrata in esercizio attuale configurazione: giugno 2020
    Altezza sotto trave: 12 metri
    Turni di lavoro: 2
    Baie di carico: 10
    Condizioni particolari per l’immagazzinamento: Magazzino per stoccaggio pneumatici in ceste (su disegno di proprietà del cliente) di dimensioni 2.400×1.370xH.2.000 mm
    Sistema di identificazione materiali: codice a barre
    Sistema di trasmissione dati agli operatori: radiofrequenza
    Sistemi di movimentazione:
    • commissionatori verticali EK-X STILL
    • trilaterale combinato MX-X STILL
    • carrello frontale elettrico RX 20-16 STILL
    • transpallet elettrico EX-H STILL
    • retrattile FM-X STILL
  • Progettista: Advanced Application STILL
    Scaffalature: GS Industry
    Flotta carrelli elevatori: STILL
    SW – Guida a induzione – iGo Pilot STILL
    SW interfaccia carrelli: Kube Sistemi
    SW WMS: Replica Sistemi
    Terminali wearable: Zebra
    Terminali veicolari: Honeywell

Francesca Saporiti

Estratto dell’articolo pubblicato sul numero di Ottobre 2020 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR