BERNONI & PARTNERS – header banner dal 1 settembre al 15 ottobre 2021
TORELLO – header banner settembre 2021
GEP – Header banner dal 1 settembre al 31 ottobre 2021

Il magazzino del mese di Biofarma Group a Mereto di Tomba (Udine): una logistica in forma perfetta

0
STILL – newsbanner dal 1 settembre al 30 settembre 2021
INTRALOGISTICA 2021 – newsbanner dal 8 settembre al 8 ottobre 2021
RICHMOND – LOGISTIC FORUM – newsbanner dal 1 al 30 settembre 2021
MIP newsbanner dal 1 luglio al 30 settembre 2021

Ci sono grandi trasformazioni che avvengono, prima di tutto, sotto l’epidermide logistica delle aziende e diffondono così nuova linfa in tutta l’organizzazione. La storia recente di Biofarma Group contiene un capitolo di questo tipo. Circa due anni fa l’azienda friulana, insieme al proprio partner storico Ceccarelli Group, ha avviato un processo di revisione dei propri flussi interni per ottimizzare i processi distributivi e aumentare efficienza e flessibilità. Il progetto ha non solo rivoluzionato la logistica interna, ma anche iniettato in azienda nuove logiche organizzative.

Il sito di Mereto di Tomba (Udine) nasce nel 1987 e muove i suoi primi passi nella produzione di cosmetici in private label per poi, a metà degli Anni ’90, allargare la propria gamma includendo anche gli integratori alimentari. Oggi in questo plant vengono sviluppati, prodotti e confezionati (esclusivamente conto terzi) cosmetici, integratori alimentari, dispositivi medici a somministrazione orale e topica e farmaci a base di probiotici. Il servizio offerto è completo e trasversale: va dalla formulazione di soluzioni personalizzate fino alla realizzazione e alla produzione del prodotto finito.

L’innovazione è dunque da sempre nel suo patrimonio genetico. A Febbraio 2020, il progetto d’integrazione tra Biofarma e Nutrilinea ha dato vita a Biofarma Group, realtà industriale che comprende altre tre aziende del settore (Apharm, Claire e Pharcoterm). Il gruppo ha oggi quattro siti produttivi tra Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Veneto (Mereto di Tomba, Cusano Milanino, Gallarate e San Pietro Viminario), più di 700 collaboratori e opera in oltre quaranta Paesi.

Logistica: un tassello fondamentale

Per una realtà come Biofarma Group, da sempre orientata verso la crescita e l’espansione internazionale, la logistica rappresenta un tassello fondamentale. Vale soprattutto in tempi, come quelli attuali, in cui la sfida è far fronte a nuovi modelli distributivi, lead time ridotti, flessibilità e innovazione continua.

Circa due anni fa, Biofarma Group ha dunque deciso di mettere mano ai propri flussi logistici presso il sito di Mereto di Tomba per attuare una razionalizzazione e un’ottimizzazione dei processi ed essere così ancora più competitiva. A luglio del 2019 è nata Biofarma 2, nuova unità produttiva e sede del centro logistico, distante solo pochi metri dal Quartier Generale e sito produttivo “Biofarma 1”.

Le due strutture sono state concepite per avere funzioni complementari. Biofarma 1 ospita, oltre alle linee produttive, gli stock di materie prime a temperatura controllata (+8°/+25°) per un totale di 2.800 posti pallet, i semi-lavorati a +15°/+25° (2.100 posti pallet) e gli imballi destinati agli integratori alimentari (4.000 posti pallet). Ci sono anche due celle frigo: una +2°/+8° con 150 posti pallet e una -22°/-18° con capacità fino a 30 posti pallet.

Il cuore della logistica del gruppo è però Biofarma 2: all’interno dei suoi circa 12.000 metri quadri coperti – per una capienza di 19.950 posti pallet – vengono stoccati buona parte dei materiali per il confezionamento e tutti i prodotti finiti soggetti a diverse condizioni di conservazione.

Il disegno del magazzino di Biofarma Group a Mereto di Tomba (UD) realizzato da Giovanni Mapelli

Il ruolo di Ceccarelli Group

“All’inizio del 2019 i vertici dell’azienda ci hanno chiesto supporto nel trasferimento e poi nella gestione del prodotto finito all’interno del nuovo centro logistico”, racconta Matteo Pegoraro, Responsabile della Divisione Logistica di Ceccarelli Group. L’azienda vanta con il sito di Mereto di Tomba un rapporto decennale. “Abbiamo cominciato offrendo servizi di trasporto – dice Pegoraro. – A partire dal 2018 ci è stato affidato anche l’incarico di gestire la movimentazione all’interno del loro magazzino”.

La data non è casuale. Nel 2018, infatti, è nata Loglab (sigla che sta per “LOGistics LABoratory”), quinta società del gruppo Ceccarelli nonché divisione aziendale che fornisce servizi di outsourcing. “Il trasporto resta nel DNA di Ceccarelli Group ma la logistica ne è una naturale estensione – indica il supply chain manager di Ceccarelli Group. – Sempre più clienti cercano un provider in grado di essere non solo un fornitore di prodotti o servizi, ma piuttosto un referente unico per tutte le esigenze di supply chain: dallo stoccaggio alla distribuzione”. E Biofarma non è da meno: “Nell’estate 2019 il cliente ci ha chiesto un’analisi lean dei flussi di magazzino”.

L’approccio LogLab

L’approccio LogLab è ingegneristico: analisi e mappatura dei processi macro e micro, misurazione dei tempi e dei modi, definizione delle aree di miglioramento, sviluppo e applicazione di nuove idee e soluzioni utili a superare eventuali gap, monitoraggio dei processi e analisi della produttività.

“Abbiamo puntato all’ottimizzazione ridisegnando i flussi ma anche implementando strumenti informatici, sviluppati direttamente dalla nostra software house interna”. Tra questi ultimi, spicca LogLMS (Logistic Management System), un workflow warehouse management system che permette di gestire attraverso un unico software il livello di servizio dell’impianto in termini di procedure operative, sicurezza e così via, ma anche le competenze di ogni operatore (skills matrix as-is e to-be), l’organizzazione dei turni all’interno del magazzino (integrata con le skills matrix), il monitoraggio della produttività per plant, area e operatore.

Ridurre gli sprechi, ottimizzare i processi

L’utilizzo di LogLMS facilita l’identificazione delle aree in cui sono presenti attività non a valore aggiunto e sprechi da ridurre o, se possibile, eliminare attraverso, ad esempio, la modifica di alcuni processi, una diversa distribuzione dei carichi di lavoro tra i singoli operatori e così via. “LogLMS è anche uno strumento di gestione del personale – sintetizza Pegoraro: – permette di avere dati in tempo reale così da poter intervenire laddove sia necessario”. Il sistema analizza la produttività dell’intero impianto (OPE – Overall Plant Effectiveness), di una singola area (OAE – Overall Area Effectiveness) e dei singoli operatori di magazzino (OLE – Overall Labor Effectiveness) aiutando a identificare fabbisogni operativi o formativi specifici e supportando l’azienda nelle proprie scelte: “incrociando i KPI è possibile definire interventi settimanali per migliorare la produttività”, conferma Pegoraro.

L’intervento di Ceccarelli Group ha portato anche alla reingegnerizzazione di processi che il sito di Mereto di Tomba di Biofarma Group ha poi scelto di affidare completamente al proprio partner di riferimento. “Il cliente ha deciso di esternalizzare tutta l’attività logistica realizzata all’interno di Biofarma 2 e di asservimento delle linee produttive in Biofarma 1”, spiega il supply chain manager di Ceccarelli Group. Dal 2020, LogLab gestisce l’attività logistica operativa all’interno dello stabilimento attraverso Lognet, rete d’impresa realizzata da Loglab insieme alla cooperativa friulana Friul Clean. “Da un lato Ceccarelli Group offre progettazione ingegneristica per la semplificazione delle supply chain del cliente e sviluppo di sistemi informativi per l’ottimizzazione e monitoraggio dei processi – illustra Pegoraro. – Dall’altro, Friul Clean interviene con l’implementazione di risorse umane in base al flusso della domanda.”

La struttura del magazzino

Quello realizzato all’interno del magazzino Biofarma 2 è un processo logistico complesso sviluppato su una pianta tutto sommato semplice e razionale. La struttura è fisicamente suddivisa in due aree: una di stoccaggio e una di carico e scarico. La prima occupa la maggior parte della superficie (circa 9.200 metri quadri). È composta da un primo magazzino coibentato a temperature comprese tra +8° e +25° (4.350 posti pallet di prodotti finiti), dotato di catenaria su due livelli per il prelievo e l’allocazione della merce e un magazzino packaging da 12.400 posti pallet.

A questo si aggiungono un secondo magazzino da 3.200 posti pallet, utilizzato principalmente per i bancali fuori sagoma, e due celle frigo destinate al prodotto finito. La prima delle due celle è a temperatura +2°/+8° e ha una capienza fino a 700 posti pallet. La seconda a -22°/-18° può invece ospitare 77 posti pallet in tutto. I rimanenti circa 3.000 metri quadri di superficie sono utilizzati per le attività di accettazione, carico/scarico e spedizione. Qui si affacciano le otto baie di ingresso e uscita della merce, di cui due con un rolling floor per il navettamento tra Biofarma 1 e Biofarma 2. Biofarma 2, infatti, gestisce due tipologie di spedizioni: quelle esterne destinate ai clienti, e quelle interne di asservimento delle linee produttive di Biofarma 1.

L’organizzazione dei processi

L’attività di accettazione della merce – materie prime, semilavorati e imballi – viene svolta dal personale Biofarma Group nei due stabilimenti. L’operatore inserisce il carico a gestionale, effettua i controlli quantitativi e applica sui diversi prodotti e colli in ingresso le etichette identificative complete di tutti i dati necessari alla gestione (codice articolo, codice bancale, descrizione articolo, lotto di produzione, codice cliente e così via). Materie prime e semilavorati destinati alla produzione vengono stoccati direttamente in Biofarma 1. All’interno dell’impianto, una specifica area di circa 4.000 metri quadri è dedicata infatti all’attività logistica di approvvigionamento delle linee. I materiali necessari al confezionamento dei prodotti finiti, invece, sono principalmente allocati in Biofarma 2.

“Gli imballi necessari per il confezionamento vengono inviati in linea seguendo le indicazioni che arrivano dalla produzione”, descrive Ciro Caterino, warehouse manager di Biofarma Group. Parte dell’attività che viene realizzata quotidianamente all’interno del magazzino Biofarma 2 consiste nella preparazione del buffer degli imballi necessari a soddisfare la produzione: “ogni giorno riceviamo da Biofarma 1 una lista del materiale che servirà l’indomani”.

Gli imballi richiesti escono da Biofarma 2 tramite una delle due porte dedicate e attrezzate con rolling floor e poi, tramite navetta, veicolati in Biofarma 1 dove vengono scaricati con un sistema analogo. Seguendo il percorso al contrario, i prodotti finiti e confezionati escono da Biofarma 1 ed entrano in Biofarma 2. “Secondo specifiche normative per la corretta conservazione in area di produzione, i prodotti devono essere stoccati su bancale in plastica – illustra Caterino. – Per questo, all’interno dello stabilimento c’è una “bussola” che utilizziamo per il trasferimento del bancale in plastica direttamente su pallet in legno”. A seconda delle esigenze, il prodotto finito e i resi d’imballo in arrivo possono essere allocati in una delle diverse aree di stoccaggio di Biofarma 2.

  • Dati relativi all’azienda:
    Ragione Sociale: Biofarma Group
    Indirizzo e riferimenti completi: Via Castelliere 2 – 33036 Mereto di Tomba (Udine)
    Sito Internet: www.biofarma.it
    Anno di fondazione: 1987
    Dimensioni aziendali: 4 impianti produttivi, 700 collaboratori, 184 milioni di euro di fatturato nel 2020
    Settore di riferimento: nutraceutico e farmaceutico
  • Anno di entrata in esercizio nell’attuale configurazione: 2019
    Condizioni particolari per l’immagazzinamento:
    – Magazzino coibentato +15°/+25°C
    – Magazzino coibentato +8°/+25°C
    – Celle frigo (+2°/+8°C e -22°/-18°C)
    Turni di lavoro: 3
    Persone per turno di lavoro: da 32/33 a 40 FTE (Full Time Equivalent)
    Altezza sotto trave: 12 metri
    Tipo scaffalature:
    – Porta-pallet tradizionali
    – Trilaterale corsie narrow aisle
    – 2 Rolling floor (banchine di carico/scarico) per scarico/carico navetta tra Biofarma 1 e Biofarma 2
    – Catenaria a due livelli per in/out magazzino coibentato Biofarma 2
    Mezzi di movimentazione:
    navetta con rolling floor per collegamento tra Biofarma 1 e Biofarma 2
    Mezzi di movimentazione per interni
    – Circa 20 (2 trilaterali, 2 frontali, 1 retrattile e 13 timonati/transpallet + 1 volta pallet + 1 avvolgitore).
    – Sistema di identificazione dei materiali e fornitori: barcode
    – Sistemi di trasmissioni dati agli operatori e fornitore: dispositivi scanner palmari
    Dimensioni metri quadri ed eventuale suddivisione spazi:
    – 3.058 mq area spedizioni
    – 9.261 mq area logistica/stoccaggio
    Dati d’ordine generale:
    – Magazzino trilaterale (12.400 posti packaging + 4350 posti PF coibentato +8°C/+25°C)
    – Magazzino retrattile (3.200 posti)
    – Cella frigo (700 posti pallet a temperatura +2°C/+8°C)
    – Cella frigo (77 posti pallet a temperatura -18°C/-22°C)
    Righe d’ordine gestite, numero spedizioni annue, referenze gestite:
    – Spedizioni: 3.500/4.000 all’anno
    – Referenze: 1.800 imballi, 2.600 materie prime, 5.000 codici di prodotti finiti
    – Merce in ingresso: 350/400 bancali al giorno
    – Merce in uscita: 300/350 bancali al giorno
    – KPI: OLE: overall labor effectiveness OAE: overall area effectiveness OPE: overall plant effectiveness.
  • Ceccarelli nasce nel 1979 grazie all’intraprendenza del suo fondatore, Bernardino Ceccarelli, che è riuscito in quarant’anni a farla diventare un importante gruppo industriale, punto di riferimento nel settore dei trasporti prima e della logistica poi. Intorno alla holding del gruppo, Ceccarelli Finanziaria, gravitano cinque aziende: Ceccarelli Srl (trasporto a collettame), la prima azienda fondata nel 1979; Transfriuli Srl nata nel 1982 (trasporti industriali a carico parziale e completo); Dilog Toscana, piattaforma distributiva dedicata alla regione Toscana, creata nel 1999 insieme ad altri tre soci; la software house interna Euro’s Srl, fondata nel 2017, la quale realizza soluzioni informatiche legate alla gestione della supply chain per il gruppo e per i clienti esterni; infine, LogLab (Logistic Laboratory), realtà operativa dal 2018 attraverso cui Ceccarelli Group offre un servizio di consulenza ingegneristica per la semplificazione delle supply chain. Il gruppo conta attualmente 180 dipendenti e 5 sedi: Udine, Trieste, Padova, Milano e Prato (Dilog). Il fatturato consolidato 2019 è stato pari a 36.120.736 Euro.

Nicoletta Ferrini

Estratto dell’articolo pubblicato sul numero di Marzo 2021 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR