CEVA – Header Banner dal 20 novembre al 20 dicembre 2019
GEP – Header banner dal 1 al 31 dicembre 2019
CLS – Header banner dal 1 settembre al 31 dicembre 2019
riempitivo gdl header

Wtransnet Italia: la borsa carichi dal volto umano

0

Nessuno può davvero capire quali sono le reali esigenze di chi svolge un mestiere complesso come quello del trasportatore, senza averle provate sulla propria pelle. Su questo semplice principio si basa il tratto distintivo che caratterizza l’offerta di Wtransnet nel panorama delle borse carichi a servizio delle società di trasporto italiane ed europee. “Wtransnet è stata fondata nel 1996 a Terrassa (Barcellona) in Spagna, su iniziativa dei fratelli Jaume e Anna Esteve, trasportatori di seconda generazione. Da subito ha puntato sull’offerta di una serie di servizi pensati per favorire in modo concreto il business delle aziende di trasporto. L’obiettivo primario della società è infatti quello di offrire ai membri della borsa carichi la possibilità di creare relazioni win win e di ampliare il proprio raggio d’azione in un ambiente caratterizzato da sicurezza e dall’affidabilità assoluta delle aziende che compongono il network” – ci spiega Nicolò Calabrese, direttore commerciale di Wtransnet Italia. Un approccio rivelatosi da subito vincente, non solo sul mercato spagnolo, dove in breve tempo la borsa carichi si è assicurata la leadership nel comparto dei servizi per l’ottimizzazione del trasporto, ma anche a livello internazionale: oggi infatti la società conta più di 10.000 clienti in tutta Europa, con una copertura di 33 Paesi.

Occhi puntati sull’Italia

Oltre alla sede centrale di Barcellona, sono attive le filiali di Parigi e di Milano, quest’ultima inaugurata all’inizio dell’anno con l’obiettivo di coltivare al meglio un mercato reputato sempre più interessante e strategico nei piani dei crescita del Gruppo. “Da una ricerca condotta da Wtransnet all’interno del proprio network europeo è emerso che più di 2.000 aziende sarebbero interessate al mercato italiano e intenzionate a lavorare con aziende del territorio. Questo riscontro, insieme all’evidente posizione chiave della nostra Penisola per il presidio del mercato sud Europeo e dell’area mediterranea, è stato determinante nella decisione della proprietà di investire in Italia, Paese che presenta un mercato molto simile a quello spagnolo, costituito da piccole e medie imprese a gestione familiare, estremamente sensibili ai problemi di insolvibilità e a i tempi lunghi di pagamento”. Nella filiale di Milano sono attive oggi dieci persone, cinque dedicate all’assistenza operativa e quattro all’area commerciale sotto la direzione di Calabrese. Nel primo semestre di attività della filiale italiana la crescita del numero dei clienti è stata a tripla cifra e ha portato a un incremento del 100% dell’offerta dei carichi e del 132% dell’offerta dei camion.

Una borsa carichi sicura e affidabile

“Il nostro obiettivo” ci spiega “è quello di continuare a crescere proponendo un nuovo concetto di borsa carichi: non più solo un tool informatico per lo scambio di carichi e camion, spesso considerato uno strumento troppo superficiale dalle aziende di trasporto, ma un vero e proprio servizio che semplifichi la vita delle società agendo da un lato come facilitatore di business in un ambiente costantemente monitorato dove sono garantite l’affidabilità dei membri del network e la sicurezza dei pagamenti, e dall’altro come vero e proprio incubatore di prassi collaborative all’interno di una comunità di aziende “buone e sane” con gli stessi obiettivi e la stessa visione del business.”

L’articolo completo è stato pubblicato sul numero di Ottobre 2015 del Giornale

 


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica
Condividi

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL