CBRE – header banner dal 23 giugno al 23 agosto 2022

STILL per NewCoop: cambiare per crescere, insieme

0
MIP POLITECNICO DI MILANO – newsbanner dal 20 giugno al 31 luglio 2022
SYSTEM LOGISTICS – newsbanner dal 1 giugno al 30 giugno 2022
NEWLAND – newsbanner dal 4 aprile al 4 luglio 2022
WORLD CAPITAL – newsbanner dal 1 giugno al 31 agosto 2022
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 30 settembre 2022

La GDO cambia. La logistica segue. I profondi cambiamenti che stanno interessando la Grande Distribuzione Organizzata, in particolare per quel che riguarda il settore agroalimentare, impattano sulle logiche di approvvigionamento, sulle pianificazioni, sulle operazioni di magazzino, sul trasporto. L’onda è stata generata, ben prima del Covid, da fenomeni quali la digitalizzazione dei consumi, l’emergere di nuove abitudini di acquisto, la “crisi” delle grandi superfici di vendita. Tuttavia, l’emergenza sanitaria ha ingrossato le acque e trascinato la sfida lungo tutta la supply chain. “Viviamo ancora un periodo particolare in cui nel settore si soffre per gli effetti della pandemia”, afferma Antonio Pandolfo, Sales & Marketing Manager di NewCoop.

Conosciamo NewCoop

Nata nei primi Anni 2000, NewCoop è cresciuta rapidamente passando da piccola cooperativa di una decina di persone a gruppo con 270 dipendenti e più di 12 milioni di fatturato (che diventano 20 se si sommano quelli di altre società del gruppo). L’azienda offre numerosi servizi che spaziano dalla gestione di magazzini, depositi doganali, piattaforme di raccolta e distribuzione alle prestazioni terminalistiche in ambito retro portuale e ferroviario e logistica portuale (tramite la società Europea Servizi Terminalistici), dall’assistenza tecnica al trasporto. Con tre magazzini situati uno a Catania e due a Palermo per un totale di oltre 30.000 metri quadri coperti, NewCoop offre una copertura capillare del territorio siciliano. Tra i principali clienti dell’azienda figurano insegne della GDO come Conad e Todis che a NewCoop hanno affidato la gestione dei propri processi logistici rispettivamente per la Sicilia Occidentale e per l’intero territorio regionale: svuotamento dei container, stoccaggio delle merci da fornitori, riconfezionamento e spedizione dei prodotti verso i 400 punti vendita. “Siamo principalmente impegnati nel servire la GDO e quasi esclusivamente in Sicilia, anche se gestiamo alcuni traffici internazionali”, precisa Pandolfo.

Un mercato ricco di sfide

In pochi anni, NewCoop ha conosciuto un’evoluzione esplosiva su uno scacchiere di gioco non dei più semplici dal punto di vista logistico: “alle complicazioni di natura geografica che rendono complessi trasporto e distribuzione nella nostra regione, si somma il fatto che, essendo la Sicilia un’isola, anche l’approvvigionamento non è dei più semplici, – spiega il Sales & Marketing Manager di NewCoop. -Non di meno, siamo cresciuti molto rapidamente, grazie al fatto di prestare molta attenzione all’evoluzione del mercato non solo nazionale, ma anche internazionale”. Lo sviluppo è stato fulmineo dal punto di vista non solo organizzativo, ma anche tecnologico: “nel 2012, lavoravamo ancora con carta e penna. Oggi tutti i nostri magazzini sono gestiti informaticamente con sistemi nostri o di terzi, dotati di soluzioni avanzate”. NewCoop ha adottato il sistema WMS StockSystemEvolution di Replica Sistemi per la gestione della logistica di magazzino e terminali vocali Voice Vocollect integrati con il sistema gestionale che permettono agli operatori di utilizzare solo la voce per dialogare con il sistema informativo, velocizzando le operazioni di picking grazie al nuovo modo di lavorare hands-free, eyes-free.

Cambio di marcia nell’intralogistica

Un decisivo cambio nel passo di marcia è stato raggiunto nel 2013 con l’inizio della collaborazione con STILL, provider specializzato in soluzioni per l’intralogistica e il material handling e oggi principale partner di NewCoop: “all’epoca, l’azienda aveva 58 dipendenti e un fatturato di meno di 6 milioni di euro, – racconta Ruggiero Dipaola, Presidente di NewCoop. – Da allora i numeri sono più che raddoppiati. Un risultato raggiunto anche con il prezioso contributo di STILL, che tramite I.MA.DI. (dealer ufficiale STILL per le province di Palermo, Caltanissetta, Trapani e Agrigento n.d.r.) ci ha permesso di essere pronti a dare risposte immediate ed efficaci alle nuove esigenze dei nostri clienti offrendoci mezzi di alta qualità, ma anche una gestione elastica ed efficiente in termini di assistenza”. La sintonia è stata immediata e ha portato, nell’arco di pochi anni, da una fornitura di poche macchine da affiancare a quelli che sino ad allora erano stati i principali fornitori di NewCoop a una flotta noleggio full-service di ben 178 macchine, che diventano addirittura 200 nei periodi di picco: commissionatori orizzontali OPX 20 e COP 20, retrattili FM-X 14, transpallet ECU e transpallet a pedana EXH-SF 20 e EXU-SF 20.

Oggi oltre il 75% dei carrelli in funzione presso l’azienda è a marchio STILL e la percentuale sale al 100% nel centro di distribuzione dedicato a Todis. “Una crescita importante come quella di NewCoop non sarebbe stata possibile senza un supporto qual è stato quello offerto da STILL e I.MA.DI., anche a livello locale”, indica Antonio Pandolfo. “Al di là della qualità del prodotto che è ormai un valore intrinseco, – prosegue invece Ruggiero Dipaola, – sono state la capacità nel raccogliere le richieste, nel rispondere alle esigenze con flessibilità e nel gestire il mezzo dall’entrata in servizio in avanti a fare la differenza e a permetterci di avere prestazioni migliori e tranquillità di continuità del servizio”.

Partnership di valore

“C’è un importante risultato di valore nel modo in cui è evoluta la nostra relazione con NewCoop – dichiara Alessandro Audia, Area Manager di STILL. – In poco tempo, siamo riusciti a conquistare la fiducia del cliente, diventando fornitore preferenziale. E questo ci ha anche aiutato ad affermarci nel mercato siciliano. Ma questo rapporto è emblematico anche da un altro punto di vista – prosegue Audia: – quando insieme ad I.MA.DI. abbiamo iniziato a lavorare con NewCoop, il mondo della GDO era in piena effervescenza. Abbiamo affrontato insieme la sfida del cambiamento che stava appena iniziando e che, possiamo dire ora, era ancora all’inizio”.
Il mondo della GDO vive infatti ancora un’intensa fase di trasformazione. “Ci aspettiamo un forte cambiamento rispetto alle modalità con cui si gestiscono le merci in questo settore, – dichiara Antonio Pandolfo”

Nicoletta Ferrini

Estratto dell’articolo pubblicato completo sul numero di dicembre 2021 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR