BERNONI & PARTNERS – header banner dal 1 settembre al 15 ottobre 2021
TORELLO – header banner settembre 2021
GEP – Header banner dal 1 settembre al 31 ottobre 2021

Setlog per Odlo: una supply chain in ottima forma

0
MIP newsbanner dal 1 luglio al 30 settembre 2021
STILL – newsbanner dal 1 settembre al 30 settembre 2021
INTRALOGISTICA 2021 – newsbanner dal 8 settembre al 8 ottobre 2021
RICHMOND – LOGISTIC FORUM – newsbanner dal 1 al 30 settembre 2021

“Lavoratore disponibile per 100 corone”. Nasce con un annuncio scritto su un pezzo di carta la carriera di Odd Roar Lofterød, fondatore di uno dei marchi di abbigliamento sportivo di alto livello più conosciuti al mondo. Il suo primo datore di lavoro, il capo di un’azienda che produceva macchinari per confezionare abiti, di corone gliene diede solo 60. Ma è proprio da quelle 60 corone che è iniziata la storia di Odlo e dei suoi prodotti: intimo tecnico, capi termici sottilissimi ma capaci di grande performance, zaini e giacche ad alta impermeabilità.

Il tutto con una grande, norvegese attenzione per la natura, l’ambiente e l’ottimizzazione delle risorse. Anche da questa forte attenzione verso gli sprechi arriva la volontà di Odlo di razionalizzare il proprio comparto logistico dall’interno.

La spinta dell’e-commerce

Dal magazzino centrale in Brüggen (sul Basso Reno), dove i prodotti di Odlo vengono stoccati e spediti, partono dai 500 ai 4.000 pacchi al giorno: un numero che è destinato ad aumentare contestualmente allo sviluppo degli e-commerce, in crescita nel settore dell’abbigliamento. Cifre simili richiedono una grande attenzione nei confronti della trasparenza, ottimizzazione e digitalizzazione della supply chain: proprio per questo motivo Odlo ha deciso di fare affidamento sul software SCM OSCA di Setlog.

“Vogliamo avere completa trasparenza nella catena di approvvigionamento in entrata”, ci spiega Bernd Wolf, amministratore delegato di Odlo Logistik GmbH, “e in questo senso il software di Setlog si è rivelato strategico nella gestione della logistica durante l’emergenza sanitaria da Covid19”.

Odlo sempre più worldwide

A differenza di altri specialisti nel campo dell’abbigliamento, Odlo produce da sé circa il 60% dei suoi articoli mentre il 70% dei capi che arrivano a Brüggen proviene dall’Europa o dalla Turchia. Il restante 30% della frazione non prodotta direttamente da Odlo proviene dall’Estremo Oriente, principalmente da Thailandia, Vietnam, Sri Lanka e Cina. Anche quasi tutte le attività di servizi a valore aggiunto si svolgono a Brüggen e circa un terzo dei prodotti è sottoposto a servizi di valore aggiunto.

Nel Basso Reno vengono soddisfatte varie richieste specifiche del cliente, come l’imballaggio speciale di alcune merci o l’etichettatura con il prezzo. La gestione della catena di approvvigionamento – e questo è il punto nevralgico, controlla due filoni: il magazzino centrale e il resto della supply chain, in particolare in Asia e negli Stati Uniti.

Il fatto è che in Asia anche i rivenditori o gli importatori sono forniti direttamente da fornitori asiatici, e Bernd Wolf non desidera più ricordare come venivano gestiti in precedenza i partner della filiera, tantomeno in piena emergenza sanitaria. Parliamo di decine di e-mail, elenchi Excel e telefonate che rendevano confusa e opaca la routine logistica quotidiana.

Obbiettivo: trasparenza e tracciabilità

“Avevamo silos di dati individuali e c’era una mancanza di trasparenza nella catena, mentre oggi abbiamo piena trasparenza sulle entrate e sui dati aggiornati. Questo ci consente di comunicare in maniera rapida e diretta a tutti i partner eventuali ritardi”, sottolinea Wolf.

Bernd Wolf è la mente logistica del magazzino di Brüggen; l’AD, entrato nella squadra Odlo nel 2007, ha svolto un ruolo determinante nella scelta delle opzioni nell’IT. Sua la decisione di affidare al software di Setlog nel nuovo centro di distribuzione. OSCA nello specifico è stato utilizzato per la prima volta da Odlo con il lancio della collezione estiva 2012 e ha sostituito il sistema in uso al fornitore di servizi logistici.

Ralf Duester, Setlog: “Odlo aveva previsto con lungimiranza già molti anni fa il fatto che le catene di approvvigionamento lunghe possono subire interruzioni, che si tratti di disastri naturali, scioperi o la pandemia. Se vengono prese precauzioni nell’IT da subito si evitano pesanti lezioni da imparare quando è troppo tardi”.

Estratto dell’articolo pubblicato sul numero di maggio 2021 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR