ATHENA – Header banner dal 1 maggio al 31 maggio 2022
HYUNDAI – header banner dal 1 maggio al 31 maggio 2022
SEALED AIR – header banner dal 20 dicembre al 19 giugno 2022
COLLIERS – header banner dal 1 febbraio al 31 maggio 2022

Linde Material Handling per Olio Levante: innovazione al profumo di olio

0
IKN  – newsbanner dal 7 maggio al 7 giugno 2022
NEWLAND – newsbanner dal 4 aprile al 4 luglio 2022
UBIQUICOM – newsbanner dal 4 aprile al 3 giugno 2022
WORLD CAPITAL – newsbanner dal 1 marzo al 31 maggio 2022
BAOLI – newsbanner dal 1 maggio al 31 maggio 2022
STILL – newsbanner dal 1 maggio al 30 settembre 2022

Un prodotto delicato e spazi per lo stoccaggio e la movimentazione estremamente ridotti: è la doppia sfida che il team composto da Linde Material Handling Italia e Stimola Logistica (Turbo Service) hanno dovuto affrontare nel mettere a punto una soluzione di automazione per Olio Levante. Obiettivo dell’azienda di Andria (BAT) che, da oltre un secolo, produce e commercializza olio extra vergine d’oliva, era migliorare le prestazioni in magazzino in risposta al sostanziale incremento della produttività (circa 60 pallet/ora) recentemente raggiunto grazie all’inserimento di una nuova linea produttiva.

Storia e innovazione tra gli ulivi

“In pochi anni siamo cresciuti esponenzialmente sia in termini di fatturato, che di volumi”, spiega l’Amministratore Unico Riccardo Cassetta, quarta generazione al timone dell’azienda pugliese, “ci siamo trovati di fronte alla necessità di potenziare la produzione, ma anche di aumentare la rapidità di evasione degli ordini, limitare il lead time, velocizzare le fasi di confezionamento e così via”. In poche parole: un revamping del magazzino finalizzato ad aumentare le prestazioni logistiche. Fin da subito, l’automazione è sembrata la strada da percorrere. “Per la nostra tipologia di attività è assolutamente cruciale avere un magazzino che, per caratteristiche e capacità, ci permetta di evadere gli ordini rapidamente, con efficienza e in piena sicurezza”, afferma Cassetta.

Una partnership con solide radici

Ancora una volta Levante si è rivolta a Turbo Service, concessionario di punta della rete vendita e assistenza di Linde Material Handling e da oltre vent’anni partner storico dell’azienda per un’iniezione di innovazione nei propri flussi. “La richiesta era di un magazzino “smart”, veloce, efficiente che potesse operare anche a ciclo continuo, giorno e notte, senza la presenza di operatori”, illustra Giuseppe Stimola, socio di Turbo Service, “tra gli obiettivi indicati dal cliente c’era proprio limitare al massimo le movimentazioni manuali che in questo contesto operativo possono essere gravose e rischiose per l’essere umano. Attraverso la nostra divisione Stimola Logistica, specializzata in sistemi integrati per la logistica di magazzino, e insieme al team Linde – prosegue – abbiamo attentamente studiato l’esigenza del cliente e identificato una soluzione tecnologicamente avanzata, modulare, flessibile in grado di sostenere nel tempo la continua crescita dell’azienda: un magazzino completamente automatizzato con sistema shuttle-satellite collegato direttamente alla linea produttiva e al gestionale di Levante. L’impianto incrementa la capacità di stoccaggio e si integra perfettamente nel layout esistente, superandone i vincoli dimensionali e strutturali”.

Con l’automazione tutto fila liscio come l’olio

L’impianto automatizzato Linde presso lo stabilimento Levante occupa circa 403 mq dei complessivi 15.000 mq a disposizione per le attività logistiche. È dotato di tre shuttle e di elevatori e discensori che permettono operazioni in altezza e quindi in verticale. Ha una capienza in multi-profondità di circa 700 pallet nelle misure 800*1200 mm e 1.000*1.200 mm. La soluzione progettata da Linde Material Handling Italia per Levante consente lo stoccaggio di bancali di diversa dimensione nello stesso canale, sfruttando al massimo lo spazio e tutti i sette metri di altezza a disposizione e superando il vincolo di avere un canale della scaffalatura dedicato a ogni tipologia di bancale. Il sistema infatti rileva in automatico il tipo di pallet. Le unità di carico vengano quindi depositate dal satellite, in funzione della loro dimensione, a una corretta distanza le une dalle altre. Un sistema datamatrix opera con precisione millimetrica nel posizionamento in lunghezza e profondità per shuttle e satelliti.

Integrazione sinonimo di ottimizzazione

L’impianto offre benefici concreti in termini di ottimizzazione dello spazio, incremento della velocità e dell’efficienza operativa e naturalmente anche di tracciabilità completa.

Il magazzino automatizzato Linde per Levante può arrivare a gestire un massimo di 140 pallet in totale (70 in entrata e altrettanti in uscita), ogni ora. “Si tratta di un valore teorico, ma di fatto il cliente è già arrivato a 54 pallet in ingresso e 70 in uscita”, indica Riccardo Gioja, Head of Intralogistics Solutions di Linde Material Handling Italia che ha seguito direttamente il progetto in tutte le sue fasi. “L’impianto è stato inserito in un contesto particolarmente sfidante non solo per via degli spazi ridotti”, racconta Gioja, “ma anche perché doveva integrarsi con la linea produttiva più recente e prestazionale di Levante. I canali a multi-profondità hanno capienza differente da tre o quattro pallet fino a 17 per aderire e sfruttare al massimo lo spazio in lunghezza e in altezza. Sul lato più lungo dell’impianto, quello che appunto può ospitare fino a 17 pallet vengono preparati i prelievi massivi e le spedizioni in uscita, tenendo conto che un bilico può contenere fino a 33 pallet, vale a dire poco meno del doppio della capacità massima del canale stesso. Laddove invece le profondità sono ridotte vengono concentrati i residui di spedizione e le produzioni speciali i cui quantitativi sono invece mediamente inferiori. Il magazzino automatico – conclude Riccardo Gioja – è inoltre collegato direttamente con la produzione di Levante. L’integrazione informatica e lo scambio di dati è totale. Il nostro gestionale di magazzino (WMS) si aggancia nel momento in cui, in produzione, viene assegnata un’etichetta barcode per inviarla in stock o direttamente in spedizione”.

Tutti i benefici da assaporare

Realizzato in poco meno di un anno con un investimento complessivo di 700 mila euro e operativo dall’inizio del 2019, il magazzino automatico Linde ha permesso a Levante di vedere sostanzialmente aumentate non solo la propria capacità di stoccaggio (più o meno raddoppiata rispetto alla precedente soluzione) le prestazioni operative (+ 35% in termini di tempi di evasione dell’ordine).

Nicoletta Ferrini

Estratto dell’articolo pubblicato completo sul numero di gennaio-febbraio 2022 de Il Giornale della Logistica


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR