COLLIERS – header banner dal 1 novembre al 31 dicembre 2021
TELEROUTE – header banner dal 1 al 31 dicembre 2021

Camst ottimizza le fasi di carico: il segreto è in un tag

0
INTRALOGISTICA 2021 – newsbanner dal 22 NOVEMBRE AL 21 DICEMBRE 2021
ESPRITEC – newsbanner dal 1 a 31 dicembre 2021

Il carrello scivola veloce attraverso la baia e posiziona i prodotti all’interno del vano di carico del camion in attesa. Durata dell’operazione: pochi secondi.

Contemporaneamente su un tablet una striscia di dati transita dal colore rosso al verde: significa che ogni collo, ogni unità di carico (UDC) che il sistema si aspettava di veder allocare è stata correttamente depositata. Nessun lettore, nessuna spunta digitale, solo un’antenna che ha letto i tag e dato il via libera al trasporto.

Giovanni Decimo, direttore della logistica di Camst, oltre settanta milioni di pasti e materie prime servite ogni anno a scuole, ospedali, mense aziendali e comunità, tocca lo schermo e la striscia di dati “esplode” rivelando le righe che componevano l’ordine, la destinazione e una serie di ulteriori informazioni. Decimo è manager di solida esperienza e carattere riservato, ma ci mostra il tablet come un appassionato soddisfatto dell’ultimo video gioco.

Solo che qui è tutto fuorché un gioco: in ballo c’è la salute delle persone, la loro alimentazione, la necessità di far pervenire, talora con finestre orarie di venti minuti, quanto necessario per preparare pranzi e cene in asili, mense aziendali, scuole e ospedali.

Un tag per aumentare i KPI

Per capire occorre fare un passo indietro, comprendere che cosa ha spinto questo colosso della ristorazione a superare gli standard precedenti basati sulla lettura (tramite terminali manuali tradizionali) dei codici associati agli ordini, ai prodotti, ai roll, ai pallet, alle destinazioni.

Standard che garantivano KPI (Key Performances Indicators – NdR) di rilievo ma non sufficienti: “una mancata consegna presso una scuola o una mensa – spiega il nostro interlocutore – si traduce come minimo nell’attivazione di procedure emergenziali di supporto e ripristino, e quindi in costi, nella peggiore delle ipotesi in un ritardo nella somministrazione dei pasti, e quindi in penali contrattuali.Se i nostri roll non arrivano, non si cucina”.
Ma come evitare che un roll efficientemente preparato resti a terra o finisca in un asilo di Castel San Pietro invece che presso un self service alla Fiera di Bologna? La risposta Decimo, innovatore in servizio permanente effettivo, la cerca nelle nuove tecnologie e per farlo non esita ad affidarsi al suo system integrator di riferimento, la GEP Informatica di Correggio, a prendere un aereo e a volare in Germania dove, gli dice Alberto Cirelli, che di GEP Informatica è il direttore commerciale, è stata appena installata una nuova soluzione che superando lettori e barcode e adottando in pieno la tecnologia Rfid e relativi tag assicura di aver risolto il problema.

Tracciabilità garantita grazie all’RFid

È a questo punto che entra in gioco un terzo protagonista: Arcangelo D’Onofrio, fondatore con Francesco Pieri della Temera di Firenze, un’azienda pioniera nell’applicazione di tag e tecnologie Rfid, oggi un solido punto di riferimento nella concretizzazione di progetti di tracciabilità lungo l’intera supply chain.

È D’Arcangelo a organizzare la trasferta in Germania per visitare la Rewe, colosso della grande distribuzione, protagonista di una delle più importanti esperienze mondiali di tracciabilità con l’utilizzo delle più avanzate tecnologie RFid. In Rewe è stato applicato con successo Mojix (soluzione dell’omonima azienda tedesca di cui Temera è il distributore esclusivo per l’Italia) e Mojix, secondo Cirelli e D’Onofrio, è la miglior risposta possibile al problema di Decimo.

L’articolo completo è pubblicato sul numero di marzo del Giornale


RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Il Giornale della Logistica

Lascia un commento

error: RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright GDL

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ricevi gratis le ultime news direttamente sulla tua e-mail

Inserisci i tuoi dati. Riceverai una e-mail con la richiesta di confermare l’iscrizione (controlla anche lo spam!): cliccando sul link la tua iscrizione sarà attiva. Iscrivendoti accetti le nostre condizioni sulla privacy Informativa GDPR